Legionella, prelievi in case contagiati

Share

Per un riconoscimento precoce dei sintomi e per facilitare l'informazione soprattuto verso i pazienti più fragili sono stati coinvolti i medici di medicina generale, mentre sono stati allertati tutti gli ospedali di riferimento per una pronta diagnosi e la segnalazione di nuovi casi.

I primi due casi letali si sono verificati in due anziani di 94 anni, già con difese immunitarie compromesse per l'età avanzata. Il batterio non ha un'aggressività forte bisogna però rispettare le regole su cui abbiamo insistito: "non si trasmette bevendo acqua o da persona a persona, ma bisogna stare attenti alle nebulizzazioni". Il veicolo di diffusione della Legionellosi - che si può manifestare sia in forma di polmonite con tasso di mortalità variabile tra 10-15%, sia in forma febbrile extrapolmonare - è l'acqua. Anche tre anni fa venne aperta un'inchiesta, successivamente archiviata. La donna di 84 anni era ricoverata all'ospedale Bassini di Cinisello Balsamo (Milano), dove erano ospitate anche le due precedenti vittime. Il numero totale di persone infettate dalla legionella sale a 18. Lo ha reso noto l'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera, precisando che i prelievi dei campioni riguardano anche "altre aree sensibili". La paura più diffusa è quella di non poter bere l'acqua, ma sia il Comune che Ats (Azienda a tutela della Salute) della Città Metropolitana hanno spiegato che la legionella, un batterio presente negli ambienti acquatici naturali e artificiali come le acque sorgive, quelle termali, fiumi, laghi, fanghi, non si contrae per contatto ma tramite nebulizzazione.

Quali sono le fonti di infezione? Da questi ambienti raggiungono quelli artificiali, come condotte cittadine e impianti idrici degli edifici, quali serbatoi, tubature, fontane e piscine, che possono agire come amplificatori e disseminatori del microrganismo.

Ministro Trenta in Libia vede Serraj - Ultima Ora
Condividiamo la stessa casa, il Mediterraneo , e l'Italia vuole fare di più per la stabilità della regione e del Paese. Trenta si è poi recata al palazzo presidenziale di Tripoli, dove è stata ricevuta dal premier Serraj.

Il virus fu identificato per la prima volta nel 1976 quando gli ex combattenti dell'American Legion furono infettati da questo batterio.

Fari puntati allora sulla corretta prevenzione e controllo della legionellosi - soprattutto nell'ambito normativo della sicurezza sul lavoro - che non sempre è fatta a regola d'arte, così come previsto dalle linee guida dell'Istituto superiore di sanità, diramate nel 2015 e in corso di revisione. Febbre che si manifesta generalmente entro uno o due giorni dal contagio.

La legionella è un batterio che vive nell'acqua e può proliferare all'interno degli impianti idrico-sanitari delle abitazioni. La legionellosi vera e propria ha invece un periodo di incubazione più lungo, di 5 o 6 giorni.

Share