Prima storica finale, in Croazia festa grande

Share

Domenica 15 luglio Francia e Croazia giocheranno la finale dei Mondiali di calcio 2018.

Nella sua semifinale, giocata martedì 10 luglio a San Pietroburgo, la Francia ha battuto 1-0 il Belgio grazie a un gol di testa nel secondo tempo del difensore Samuel Umtiti, raggiungendo la sua terza finale di un Mondiale della storia dopo quella vinta a Parigi nel 1998 e quella persa contro l'Italia a Berlino nel 2006.

Savona: pronti a tutto, altri possono decidere uscita Italia da euro
Se poi gli altri cercheranno di cacciarci non lo so, ma questo non è la nostra volontà, ne metteremo gli altri nelle condizioni di farlo".

La virulenta e scomposta reazione di Djukanovic è nata da un'affermazione del campione della racchetta che si era così espresso nei giorni scorsi a Wimbledon: "Ai Mondiali tifo per la Croazia e so chi vorrei alzasse il trofeo".

Ad alimentare ulteriormente le polemiche, ci aveva pensato l'ex numero 1 della classifica ATP, pubblicando sul proprio account Instagram una foto che lo ritraeva in compagnia di alcuni nazionali croati, tra i quali Luka Modric, asso del Real Madrid e l'ex basilese Ivan Rakitic, da quattro anni tra le colonne portanti del Barcellona. I transalpini, dopo un girone vinto a mani basse, hanno eliminato l'Argentina di Messi e l'Uruguay di Cavani e Suarez. La tecnica in velocità della squadra è stata esaltata soprattutto dal suo attacco, uno dei più rapidi e tecnici in scena ai Mondiali. Questa sera sfideranno l'Inghilterra per un posto in finale. È un traguardo sportivo incredibile per un paese che, nonostante abbia poco più di 4 milioni di abitanti, ha una grande tradizione negli sport di squadra.

Share