Salvati 67 migranti, lite nel governo. Conte vedrà Salvini

Share

Di quello Mattarella non ha voluto sentir parlare anche se comunque aver aperto le porte del Quirinale per un incontro con Salvini va interpretato come un atto distensivo. "A breve assumeremo iniziative italiane per dare continuità alle conclusioni del vertice Ue di giugno" gli ha fatto eco Conte arrivando al vertice Nato di Bruxelles. "Questa non è l'Italia che ho in testa, il mio obiettivo è controllare l'immigrazione e ridurre il numero dei morti".

"Dopo aver fermato le navi delle Ong, giovedì porterò al tavolo europeo di Innsbruck la richiesta italiana di bloccare l'arrivo nei porti italiani delle navi delle missioni internazionali attualmente presenti nel Mediterraneo", ha scritto il ministro dell'Interno su Facebook che non risparmia una frecciatina ai predecessori: "Purtroppo i governi italiani degli ultimi 5 anni avevano sottoscritto accordi (in cambio di cosa?) perchè tutte queste navi scaricassero gli immigrati in Italia, col nostro governo la musica è cambiata e cambierà".

Cosa pensano i francesi di Buffon al Psg
Un campione come lui da una delusione come il Mondiale può tornare con più rabbia agonistica e grande desiderio di rivincita. Sono sempre stato un giocatore che sul campo si è conquistato la titolarità: questo è lo sport, questa è la competizione.

La nave italiana Vos Thalassa, intervenuta ieri sera in acque ricerca e soccorso libiche per recuperare una sessantina di migranti, "ha anticipato l'intervento della Guardia costiera libica che era già stata allertata". L'approdo è previsto in serata secondo quanto riferiscono fonti del ministero dei Trasporti. "Se su quella nave c'è gente che ha minacciato ed aggredito, non saranno persone che finiranno in albergo ma in galera: quindi non darò autorizzazione allo sbarco fino a che non avrò garanzia che delinquenti, perché non sono profughi, che hanno dirottato una nave con violenza, finiscano per qualche tempo in galera e poi riportati nel loro paese", ha detto Salvini. E ha poi specificato: "attendo di sapere nomi, cognomi e nazionalità dei violenti dirottatori che dovranno scendere dalla Diciotti in manette". Così il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli su Twitter. "Orgoglioso della Guardia Costiera italiana che con nave Diciotti ha preso a bordo 60 migranti che stavano mettendo in pericolo di vita l'equipaggio dell'incrociatore italiano Vos Thalassa - scrive Toninelli-". L'inchiesta, che ipotizzava contatti tra l'equipaggio della Juventa e trafficanti di migranti, sta per essere chiusa. In sostanza, non solo (secondo le decisioni dell'ultimo Consiglio europeo) non ci sarà più obbligo di accogliere una quota dei "nuovi" migranti giunti in Europa, ma dovrebbero essere restituiti all'Italia anche quelli "vecchi".

Salvini, intanto, rivendica il fatto che "grazie al mio lavoro", ci sono "dati buoni sugli sbarchi: 21mila in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno".

Share