Napoli, Ancelotti: "Sono qui per vincere, accetto questa sfida con grande entusiasmo"

Share

"Son venuto a Napoli perchè ho visto una squadra molto competitiva". Poi avevo voglia di tornare in Italia e trovare una società con un progetto molto interessante. Stile e filosofia resteranno gli stessi, poi ho le mie idee ma non s Altre telefonate per convincere qualche top player? Con entusiasmo ho accettato questa sfida, l'obiettivo è lo stesso. "Se siamo dentro in tutt'e tre a marzo-aprile, è importante". Ronaldo è tra i migliori se non il migliore.

Come si batte la Juventus: "La Juve non è il potere, ma una squadra forte, sarà un avversario fortissimo, difficilissimo, ma non c'è solo la Juve, ma anche l'Inter.il calcio italiano ha mostrato molta incertezza, s'è deciso nelle ultime gare".

RIPETERE LO SCORSO ANNO - "La filosofia e lo stile di questa squadra mi è piaciuto molto". In una rosa già valida abbiamo cercato di inserire innesti giovani e validi per migliorarla. "I top player non sono solo quelli che guadagnano di più". Mi piace molto l'ambiente e la città, per questo ho scelto il Napoli.

Poi il tecnico azzurro va sui singoli: "Mertens è un attaccante completo, ero perplesso quando ho saputo che avrebbe giocato prima punta, poi ha fatto 30 gol". Karnezis lo può aiutare nella crescita ed ha esperienza. Inglese ha grandi potenzialità a mio parere. "Potrò variare l'atteggiamento tattico".

Mondiali 2018: la Croazia è l'ultima semifinalista, Russia ko ai rigori
Il Bild si è anche soffermato sulla figura di Mario Fernandez, ma non sulla sua sfortuna ai rigori , ma sul suo destino. Sputnik presenta una panoramica delle opinioni dei media di diversi paesi, dedicata al match tra Russia e Croazia .

MODULO - "Cos'è il modulo? Mettere insieme le nostre conoscenze può essere uno strumento molto importante per migliorarci". Come fare meglio di 91 punti? Abbiamo anche Diawara in quella posizione, che ha già dato garanzie. Su Ghoulam dobbiamo fare alcune valutazioni sulle condizioni fisiche. Deve fare un breve periodo di riabilitazione e pensiamo di averlo per l'inizio del campionato. Sui nuovi arrivi: "Meret è un talento e ha già fatto bene".

VAR - "Mi sembra un'innovazione positiva".

Come si può migliorare la squadra? "Mi sono stupito due anni fa col Real quando andammo fuori e anche l'Uefa la metterà".

ATTACCO - "Penso che Milik quando stava bene ha rappresentato una garanzia". Tutti ci aspettavamo il Brasile vincente, il calcio cambia. Che gruppo mi aspetto? "Nessuno si aspettava Croazia o Inghilterra in finale".

Share