Totoscommesse: Mondiali, Snai, Francia favorita per titolo

Share

Le due semifinali di questa edizione sono Francia-Belgio e Croazia-Inghilterra. Toccherà prima a Francia e Belgio, poi a Croazia e Inghilterra: ecco il programma delle due semifinali. Quattro nomi in parte impronosticabili ma rappresentativi dell'evoluzione subita dal calcio negli ultimi anni: giovani talenti in rampa di lancio o già titolari di contratti multimilionari, centravanti implacabili ed una perfetta organizzazione collettiva. I leoni inglesi viaggiano sulle ali dell'entusiasmo grazie ad un percorso praticamente perfetto; i croati invece sono approdati alle semifinali solo grazie ai rigori che li ha visti vittoriosi sia contro la Danimarca che contro la Russia.

La Nazionale fiamminga ha iniziato in modo positivo i Mondiali 2018, chiudendo al primo posto e a punteggio pieno il proprio girone. Insomma i salvataggi finora hanno equilibrato gli errori anche di big come Neuer: e quando la batteria suona bene il successo del concerto è (quasi) assicurato.

Il Belgio ha dimostrato di essere una squadra dotata di talento in attacco (con Lukaku, Mertens, Hazard e Fellaini), oltre ad avere rapidità e imprevedibilità (i micidiali contropiedi dei belgi hanno portato a vincere in rimonta contro il Giappone agli ottavi, e di battere il Brasile ai quarti).

Calciomercato Juventus, Agnelli vola in Grecia da Cristiano Ronaldo
I segnali ci sono tutti, non resta che attendere la conclusione della trattativa dell'anno. Ma potrebbe essere anche un viaggio di lavoro.

La Nazionale russa avrebbe sniffato ammoniaca come doping legale per migliorare le proprie prestazioni. A confermare lo spirito di coesione creatosi all'interno del gruppo russo è stato il centrocampista Aleksandr Golovin: "In questi giorni siamo stati una cosa sola, per questo abbiamo ottenuto grandi risultati durante i Mondiali". Ma hanno vinto un solo Mondiale, quello giocato in casa nel 1966 (per capirci, lo stesso torneo in cui l'Italia subì una disfatta, ad opera della Corea del Nord). Gara estremamente equilibrata, due squadre molto solide e con attacchi veloci e pungenti.

Una volta diffusa la notizia, dalla Russia si è immediatamente voluto precisare che quella evidenziata è una pratica del tutto lecita. Si tratta addirittura del 43% dei calciatori non ancora in vacanza.

Risolto il mistero su cosa inalassero i calciatori della Russia nel tunnel che li conduceva al campo di gioco prima del match contro la Croazia.

Share