Giappone, giustiziati sette responsabili dell'attentato al sarin del 1995

Share

Giustiziati in Giappone i sette responsabili della strage alla metro di Tokyo del 20 marzo 1995. Era stato condannato a morte, insieme ad alcuni suoi seguaci, lo scorso gennaio per aver ucciso 27 persone e averne ferito a migliaia in una serie di attentati al gas sarin, tra cui il più grave è quello avvenuto nel 1995 nella metropolitana di Tokyo. La condanna a morte per impiccagione per Asahara era stata decisa dal tribunale nel 2004 e successivamente confermata dalla Corte Suprema giapponese alla quale si era appellato. La conferma arriva direttamente dal governo giapponese che ha promesso che non "tollererà persecuzioni nei confronti dei membri della setta ancora in carcere o già liberi". Per anni aveva respinto l'accusa di avere pianificato gli attacchi, costati nel complesso 27 vite, ma nel 2014 aveva confessato il suo ruolo ritenendo la pena di morte "giusta". La prima esecuzione di venerdì è stata quella del leader del gruppo, e della setta, Shoko Asahara. I testimoni hanno descritto di aver notato dei pacchi che perdevano gas e che subito dopo hanno sentito dei vapori pungenti colpire i loro occhi. I fumi fuoriuscirono dalle borse e la tossina colpì le sue vittime in pochi secondi, causando soffocamento e vomito. L'applicazione della sentenza di morte è arrivata con oltre vent'anni di ritardo perché l'ordinamento giuridico del Giappone prevede che le condanne a morte non vengano eseguite fino a quando il verdetto contro tutti gli imputati e i complici sono definitivi, senza ricorsi pendenti contro nessuno del gruppo. Nato come un gruppo spirituale con influenze induiste e buddiste, Aum Shinrikyo si è poi trasformato in una setta caratterizzata da elementi di profezie cristiane apocalittiche.

Thailandia, trovato cunicolo a 200 metri dai ragazzi
Anche i ragazzi hanno scritto alle famiglie , affermando di star bene pur sentendo la mancanza. "E non scordatevi della mia festa di compleanno ", dice Duangphet Promthep , anche lui 13enne.

Shoko Asahara, giustiziato il fondatore del culto Aim Shinrikyo. Aum Shinrikyo ha ottenuto lo status ufficiale di organizzazione religiosa in Giappone nel 1989 e ha conseguito un considerevole seguito in tutto il mondo.

Share