Impurità potenzialmente cancerogena, l’Aifa ritira farmaci a base di valsartan

Share

Secondo quanto descritto da un comunicato della stessa agenzia, il ritiro è stato disposto a seguito di controlli che hanno riscontrato alcune impurità durante la produzione del principio attivo da parte della società Zhejiang Huahai Pharmaceuticals nello stabilimento di Chuannan a Linai, in Cina. La sostanza trovata è la N-nitrosodimetilamina (NDMA), classificata come probabilmente cancerogena. Il principio attivo cinese è stato poi utilizzato da diverse aziende farmaceutiche, quelle per le quali è scattato il provvedimento di sospensione. Di conseguenza, quindi, un elenco piuttosto lungo di farmci, che servono a curare l'ipertensione arteriosa o l'insufficienza cardiaca o che vengono assunti da persone che hanno subito un infarto e stanno procedendo con la riabilitazione, è stato reso disponibile dall'Aifa sul proprio sito. La preoccupazione è quella di evitare che i malati che ne hanno bisogno interrompano una cura delicata. Pubblicando l'elenco di tutti i prodotti e dei lotti interessati dal richiamo, che possono presentare il Valsartan da solo o in combinazione con altri principi attivi, l'Aifa spiega che per i pazienti trattati con i medicinali riportati la terapia può e deve essere sostituita con un altro valsartan non coinvolto o con altro antagonista del recettore dell'angiotensina II.

Una serie di farmaci per la pressione sono stati ritirati dall'Agenzia italiana del farmaco perché contengono una sostanza cancerogena.

Bucciantini: "La Juve con Ronaldo comprerebbe la storia"
Il Real Madrid fa muro perché non vuole privarsi del suo 'asso', tuttavia in Spagna e non solo dicono che si sarebbe già mossa per accaparrarsi l'erede.

Ma se si è in trattamento con uno dei prodotti presenti nella lista bisogna consultare il medico il prima possibile per passare ad altri farmaci.

Non dovresti interrompere il trattamento senza aver parlato con il tuo medico, con il quale potrai concordare un trattamento alternativo (con altro medicinale a base di valsartan non interessato dal ritiro o con altro medicinale appropriato). L'Aifa, infine, ha specificato di essere al lavoro insieme all'Agenzia europea per i medicinali (Ema) e alle altre agenzie europee per valutare il grado di contaminazione nei prodotti coinvolti e adottare misure correttive nel processo produttivo.

Share