Cosa prevede il Decreto Dignità approvato dal governo

Share

È la misura simbolo del "decreto dignità", secondo il ministro del Lavoro e dello Sviluppo, Luigi Di Maio, che proclama: "Guerra al precariato, ora licenziamo il Jobs Act".

Un decreto che conterrà "interventi sul contratto a tempo determinato e a tutele crescenti" ha aggiunto Di Maio spiegando che sarà "un primo passo in avanti", che prelude ad altre manovre, sapendo che l'obiettivo resta quello "dall'abbassamento del costo del lavoro che sarà nella prossima legge di bilancio ".

Così per il 'Pacchetto fisco 'light' con ritocchi al redditometro, nella bozza allo studio si prevederebbe lo slittamento della scadenza dello spesometro al 28 febbraio (dal 30 settembre) e lo stop, solo per i professionisti, allo split payment solo per i professionisti. La bozza del decreto prevede il divieto di "qualsiasi forma di pubblicità, anche indiretta, relativa a giochi o scommesse con vincite di denaro, comunque effettuata e su qualunque mezzo, incluse le manifestazioni sportive, culturali o artistiche, le trasmissioni televisive o radiofoniche, la stampa quotidiana e periodica, le pubblicazioni in genere, le affissioni ed internet". E arriva anche un contributo aggiuntivo di 0,5% su ogni rinnovo, per scoraggiare appunto il lavoro a termine. Nell'ultima revisione salta la misura che impediva contratti di somministrazione a tempo indeterminato.

Pontida, la festa della Lega di governo
Abbiamo capito che da soli non andavamo da nessuna parte. " I popoli in Europa non sono mai stati in conflitto come oggi ". Il progetto del leader leghista è chiaro: "Un'alleanza internazionale dei populisti, che per me è un complimento".

Per disincentivare i licenziamenti "ingiusti" e rafforzare la lotta ai contratti precari si prevede infatti di aumentare del 50% degli indennizzi rispetto alla norme attualmente in vigore.

In caso di rinnovo, e per i contratti oltre 12 mesi, tornano le causali: temporanee e oggettive o per esigenze sostitutive; connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili dell'attività ordinaria; per picchi e attività stagionali. Questo atteggiamento lo vediamo nelle organizzazioni criminali, che Nico De Masi ha denunciato come imprenditore, ma lo vediamo anche in organizzazioni che non sono criminali. "Ci sono altri provvedimenti che dobbiamo portare il prima possibile". Nel decreto c'è anche una norma che, dopo la sentenza del Consiglio di Stato, lascia al loro posto le maestre diplomate per 120 giorni in attesa di una soluzione definitiva. Inoltre, si prevede che il ministero dell'Economia e delle Finanze possa emanare un nuovo decreto in merito dopo aver sentito l'Istat e le associazioni maggiormente rappresentative dei consumatori. Il beneficio andrà restituito con gli interessi maggiorati fino a 5 punti percentuali. Inoltre, "sono escluse dal divieto le lotterie nazionali a estrazione differita (la Lotteria Italia, ndr) e i loghi sul gioco sicuro e responsabile dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli". Ad accertare le violazioni e a comminare le sanzioni sarà l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom), mentre è previsto che gli incassi vadano a finanziare il fondo per il contrasto al gico d'azzardo patologico.

Share