Migranti, Salvini: Lifeline a Malta? A qualcosa siamo serviti

Share

"Donate ora per le nostre prossime missioni di salvataggio", ha twittato l'Ong che gestisce la nave, annunciando l'arrivo al porto di La Valletta, sei giorni dopo il salvataggio in mare dei migranti. L'intento è accertare se abbia effettivamente violato le disposizioni ricevute dopo aver preso a bordo i migranti, non avendo fatto rotta verso la Libia, come indicatogli dalle autorità italiane, ma essendosi avvicinato alle coste maltesi innescando il caso internazionale. Il premier Giuseppe Conte ha condiviso e rilanciato il tweet del ministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli sulla vicenda. La seconda è "l'apertura di un'inchiesta sulla condotta della nave Lifeline". "Se accadrà, l'isola potrà essere ricordata come la Ventotene del nuovo secolo". I migranti a cui non spetta la protezione saranno rispediti indietro: "Partiranno immediatamente le procedure per il ritorno di quanti non hanno titolo alla protezione, dopo il dovuto processo e in accordo con l'Europa e le regole internazionali". Sto lavorando - ha aggiunto - insieme ai ministri. Muscat ha chiarito che sulla Lifeline "non c'è stato uno scontro tra due stati membri".

Lifeline, Malta ci vieta ancora l'ingresso - "Abbiamo ricevuto un messaggio da Malta alle 18: dice che non ci è permesso di entrare nelle acque territoriali".

Dalla Lifeline si sono detti soddisfatti del sostegno maltese anche se, in serata, dalla nave facevano sapere di non essere ancora stati autorizzati ad attraccare. Chiediamo ora se siamo autorizzati a proteggerci almeno dalle alte onde e dal forte vento al largo della costa maltese.

Addio Pechino Express, Eleonora Brigliadori disperata: "Sono sul lastrico"
Da oggi sono Aaron Noele ... "Ma sulla Rete c'è stato chi è stato abile a creare l'equivoco e a cavalcarlo ", dice. Eleonora ha confessato di averli affrontati per via spirituale ed è riuscita a sconfiggerli tutti e tre.

È il ministro dell'Interno tedesco Horst Seehofer ad avere impedito alla Germania di partecipare all'accordo e accogliere una quota dei profughi della nave Lifeline. Il ministro è da tempo in lotta con Angela Merkel proprio sul tema dei migranti. "Finora nessun contatto radio e nessuna idea di cosa vogliano".

E il vicepremier Matteo Salvini intanto torna ad attaccare il presidente francese Emmanuel Macron: "Apra subito le porte di casa sua ai 9.000 che la Francia si era impegnata ad accogliere".

In mattinata, il premier Conte, parlando alla Camera in vista del Consiglio Ue del 28 e 29 giugno aveva ribadito la necessità di superare il regolamento di Dublino. Ma qualcosa si è bloccato e la nave era rimasta senza un porto sicuro.

Share