La suocera del premier Giuseppe Conte era una diva di Tinto Brass

Share

La suocera di Giuseppe Conte, oggi 68enne, è stata protagonista dei film di Tinto Brass. "Il film, per il quale Ewa viene a conoscenza della propria scrittura solo il giorno prima dell'inizio delle riprese, non ottiene il successo sperato negli Stati Uniti, fallendo nel lancio internazionale dell'attrice, ma è molto apprezzato in Europa, divenendo negli anni successivi un film culto". Seguono due film di genere giallo all'italiana, Col cuore in gola (1967) di Tinto Brass e il bizzarro La morte ha fatto l'uovo (1968) di Giulio Questi, in entrambe le pellicole a fianco di Jean-Louis Trintignant.

Ora il settimanale Di Più aggiunge ulteriori informazioni sulla first lady che, come afferma il settimanale, è la figlia di Ewa Aulin attrice che ha lavorato con Tinto Brass. E' stata candidata al Golden Globe come miglior attrice esordiente. Dopo l'acquisita popolarità però Ewa Aulin ha preferito tornare nell'anonimato e mettere su famiglia.

Il successo di entrambi i film le apre le porte del cinema. Da tanto tempo non sentivo parlare di lei, Ewa era piena di sensualità.

Alberto Mezzetti rivela i particolari dell'uscita con Barbara d'Urso
Lui è arrivato con la sua automobile, mentre lei con una vettura guidata dal sua autista. Però credo sia nato un rapporto di complicità, una curiosa e rispettosa amicizia .

"Il nostro premier, dunque, dopo il divorzio dalla madre di suo figlio, da tempo e legato sentimentalmente a Olivia Paladino, che ha trentotto anni, quindici meno di lui".

È stato lo stesso regista maestro dell'erotismo a rivelarlo nell'intervista rilasciata a Francesco Cordella: "Quando ho saputo che la suocera del premier è Ewa Aulin, una delle attrici che io ho lanciato, mi sono sorpreso". Grande rammarico quindi per l'addio ufficiale dalle scene avvenuto tanto presto, con Brass che le chiederebbe: "Vorrei sapere se ha lasciato il cinema perché non si è più riconosciuta nei ruoli sensuali che le hanno dato dopo che aveva recitato per me. Quando le chiesi di spogliarsi non ebbe alcun problema, mi guardò con quel suo visino dolce e un po' birichino e si tolse i vestiti cogliendo l'atmosfera", racconta ancora il regista.

Alta, magra e bionda, è la figlia del proprietario dell'hotel Plaza a Roma e del marito di Ewa.

Share