Carige nella bufera. Lascia Tesauro, l'uomo di Malacalza (di R. Bobbio)

Share

"Motivi di dissenso con l'organo di governo per quanto riguarda la gestione aziendale e la visione di governance" sono indicati nella nota di Carige relativa alle dimissioni del consigliere. Tesauro era entrata in consiglio nel 2016 e faceva parte della lista presentata da Malacalza Investimenti.

Il Presidente dimissionario Tesauro era un Amministratore non esecutivo, non era destinatario di deleghe.

Ricevuta la lettera di dimissioni, i vertici della banca annunciano che in una prossima riunione saranno esaminati i provvedimenti conseguenti all'addio del professore e avvocato. Il professore e avvocato era alla guida del consiglio di amministrazione dal 31 marzo 2016. "Tutte le fibrillazioni ovviamente ci preoccupano, ma riteniamo che la banca abbia un solido radicamento nel territorio ligure - ha aggiunto Toti -".

Taglio a pensioni d'oro per alzare le minime
Di Maio definisce le pensioni d'oro uno "sfregio a quei tre milioni di italiani che non hanno neppure i soldi per fare la spesa" . Introdurre un tetto per le pensioni d'oro a condizione che chi le riceve non abbia versato la relativa quota di contributi .

Fiorentino ha preso il posto di Guido Bastianini, che a sua volta si era dimesso circa un anno fa proprio perché sfiduciato su proposta dell'imprenditore Vittorio Malacalza.

Importanti novità ai piani alti di Banca Carige. La Bce dialoga con l'amministratore delegato? Il Secolo XIX riporta inoltre le dichiarazioni di Andrea Soro, CFO di Carige: "I cambiamenti nella governance non rallenteranno le operazioni previste dal piano industriale".

Soro da Milano ha commentato: "Stiamo portando avanti le operazioni straordinarie previste dal piano, dobbiamo finalizzare la cessione di Creditis". Tra queste, il manager cita il lavoro in corso sugli Npe (non performing exposure) ed eventuali cessioni di partecipazioni non strategiche (Banca d'Italia e Autostrada dei fiori). Il titolo entra agli scambi, finisce subito in asta e poi cede l'1,23% a 0,008 euro.

Share