Ufficiale: Sarà Red Bull Honda nel 2019

Share

La Honda era in grande ripresa sia affidabilistica che prestazionale e evidentemente in Red Bull credono in loro e hanno valutato positivamente il lavoro fatto con il team di Faenza. inoltre in questo modo si potrà dar vita ad una sinergia e scambio di parti tra i due team controllati dai "bibitari" come si era paventato già per il 2018 ma che sfumò a causa della differenziazione del fornitore di motori e come appunto ci avevano anticipato i tecnici Toro Rosso. C'è l'accordo tra la Red Bull e la Honda in vista del Mondiale 2019 di Formula Uno. La trattativa, che ha subito un'accelerata negli ultimi giorni, è stata conclusa e così per la Red Bull quella in corso sarà l'ultima con gli attuali propulsori forniti dalla Renault.

Alla Red Bull manca soltanto il motore per vincere, dato che telaisticamente è probabilmente la macchina da battere.

Maturità 2018, prima prova: tracce, autori, temi
Al Liceo Giovanni da San Giovanni , tra gli intervistati, ha prevalso il saggio breve nell'ambito artistico - letterario. Seconda prova scritta per la maturità: gli studenti affronteranno greco al classico e matematica allo scientifico .

UNA NUOVA AVVENTURA A tal proposito, ecco le prime parole di Christian Horner, team manager della Red Bull: "Questo accordo pluriennale con la Honda è l'inizio di una nuova entusiasmante fase in cui la Red Bull proverà a competere non solo per le vittorie nelle singole gare, ma anche per quello che è sempre il nostro obiettivo principale: i titoli Mondiali". Abbiamo portato avanti un'attenta valutazione e siamo certi che questa partnership con Honda sia la direzione giusta per il team. Questo in aggiunta all'accordo con la Scuderia Toro Rosso. La loro ambizione puo' essere associata alla nostra. Non vediamo l'ora di lavorare con Honda nei prossimi anni e di correre insieme alla ricerca dei più traguardi in Formula 1.

Infine c'è spazio per un doveroso ringraziamento alla Renault, partner motoristico della Scuderia austriaca per dodici anni: "Vorremmo ringraziare la Renault per la cooperazione degli ultimi 12 anni, un periodo durante il quale abbiamo vissuto insieme momenti incredibili". "A volte abbiamo avuto le nostre divergenze ma Renault - precisa Horner - ha sempre lavorato instancabilmente e al massimo delle sue capacità per fornirci una power unit competitiva".

Share