Emicrania: un anticorpo monoclonale per la cura

Share

L'emicrania è una particolare forma di mal di testa, molto doloroso, e deve il suo nome alla particolare localizzazione del dolore: solitamente colpisce infatti soltanto un lato del cranio, indifferentemente il destro o il sinistro. Il mal di testa è associato a sintomi come nausea, vomito e ipersensibilità a luci, rumori e odori (foto-fono-osmofobia), costringendo spesso chi ne soffre a ricercare riposo psico-sensoriale in un ambiente buio e silenzioso durante l'attacco.

Cura e prevenzione del mal di testa con origine emiranica, potranno essere affidati a questi nuovi farmaci che verranno iniettati periodicamente, probabilmente trimestralmente (non è esclusa la somministrazione mensile), una specie di vaccino che va ad agire sul peptide dell'emicrania.

Elio Agostoni, direttore del dipartimento di Neuroscienze Asst grande ospedale metropolitano Niguarda, nel corso del IX congresso nazionale dell'Anicerf (l'associazione neurologica italiana per la ricerca sulle cefalee) che si è svolto a Milano, ha illustrato le novità riguardanti i nuovi farmaci per contrastare l'emicrania che saranno presto disponibili anche nel nostro paese.

San Benedetto, acqua contaminata da idrocarburi: lotto ritirato
Il Ministero della salute ne ha richiamato un lotto perché il consumo potrebbe essere pericoloso per la salute umana. Acqua San Benedetto ritirata a causa della presenza consistente di idrocarburi.

Come sottolinea l'esperto, oggi ci si focalizza sulla cura delle crisi quando arrivano e sulla cura della malattia, quindi sulla prevenzione e la profilassi: "quando le crisi occupano 4/5 giorni al mese l'indicazione è quella di fare la profilassi, quando invece si tratta di episodi che sono meno di 5 giorni al mese c'è solo la terapia dell'attacco".

Fra questi farmaci c'è anche il Fremanezumab, un anticorpo monoclanale che blocca l'attività del Cgrp (correlato al gene della calcitonina), la proteina alla base degli attacchi di emicrania. In Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito sono oltre 15 milioni le persone che soffrono di emicrania episodica e cronica, in Europa questa malattia ha un costo per l'economia di 18 miliardi di euro l'anno in termini di produttività e giornate di lavoro perse. I nuovi farmaci si occuperanno di prevenire l'emicrania e tutti le problematiche ad essa correlate ed evitarle ancora prima che insorgano.

Share