Winnie Harlow, che gaffe al Gp: sventola la bandiera in anticipo

Share

Infine sull'argomento è intervenuto il direttore di gara Charlie Whiting.

In un'intervista rilasciata ai microfoni di Auto Motor Und Sport, Charlie Whiting ha parlato dello svarione commesso da Winnie Harlow durante gli ultimi minuti del Gran Premio del Canada, con la bandiera a scacchi esposta due giri prima della naturale conclusione della corsa. "C'è stato un errore di comunicazione tra la piattaforma di partenza e l'addetto locale che fa cominciare e finire il gran premio".

In realtà, una conseguenza c'è stata, e a farne le spese è stato Ricciardo.

Cori discriminatori in Juve-Napoli Under 15: "Usate il sapone"
Contro i piccoli napoletani la Juventus , con i bianconeri che l'hanno spuntata visto il finale 3-0 a favore, eliminando il Napoli dalla corsa al tricolore di categoria.

FERRARI RULES Che vittoria per la Ferrari di Vettel al GP del Canada, una vittoria di forza sulla Mercedes AMG di Bottas che nulla ha potuto contro il pilota tedesco del Cavallino Rampante. La modella ha sventolato la bandiera a scacchi in anticipo, al 69esimo giro dei 70 previsti, rischiando di scatenare il caos. Ma chi gliel'ha data non pensava fosse una domanda, bensì una constatazione. Noi cerchiamo la perfezione, per fortuna l'errore non ha avuto impatto sul risultato della gara. Sarà stata la sua avvenenza a distrarre chi le ha dato il segnale di sventolare la bandiera? Dunque l'arrivo ufficiale è stato ufficializzato al giro 68. Whiting aggiunge però anche un'altra cosa: "Penso che le persone che non lavorano in Formula 1 a volte siano confuse dal grafico che vedono sullo schermo, dove dice 69 su 70. Hai a che fare con moltissime persone, paesi diversi, ;lingue diverse e non sempre va tutto liscio come l'olio".

Il compito di sventolare la bandiera a scacchi è spettato per l'occasione alla modella, per inciso grande amica di Hamilton. L'errore non portò peraltro a particolari polemiche, vuoi perché non aveva condizionato la classifica o la gara, vuoi perché in SudAmerica (ma non solo) l'icona del calcio è praticamente intoccabile, vuoi probabilmente perché a quel tempo i "social" non erano ancora così diffusi...

Share