"Vomitevole" è l'ipocrisia del partito di Macron

Share

Non è un derby tra Italia e Francia, non è neppure il mondiale a cui per altro non parteciperemo.

Intanto non si fermano le polemiche sulla nave Aquarius, bloccata dai ministri Matteo Salvini e Danilo Toninelli, e già una nuova nave giunge in Italia. "A seguito delle dichiarazioni rilasciate ieri a Parigi sulla vicenda Aquarius, il ministro degli Esteri e della Cooperazione internazionale, Enzo Moavero Milanesi, ha convocato questa mattina alla Farnesina l'ambasciatore di Francia in Italia", ha reso noto la Farnesina. Fonti autorevoli del quai d'Orsay ricordano che "la Francia aveva lanciato ogni segnale di disponibilità a trovare assieme una nuova politica sui migranti", un tema che infatti era il primo all'ordine del giorno nel l'incontro Macron-Conte previsto venerdì all'Eliseo.

Il governo francese ha inoltre lodato l'iniziativa della Spagna che ha deciso di accogliere gli oltre seicento migranti, tra i quali ci sono anche donne in gravidanza e bambini. Molte voci a sinistra criticavano il silenzio di Macron, il leader indipendentista Jean-Guy Talamoni ne approfittava per offrire all'Aquarius un attracco in Corsica, e infine è stato il premier spagnolo Pedro Sánchez a rubare la scena a Macron con il bel gesto di accogliere la nave dei rifugiati.

Trump: "Da Singapore parte un messaggio di pace per il mondo intero"
Ha detto di sentirsi "veramente bene", avendo Kim seduto sulla poltrona alla sua sinistra. " Non era facile arrivare qui ". La prima stretta di mano da quasi 70 anni fra i massimi rappresentanti dei due Paesi è durata più di 10 secondi.

Un Paese "irresponsabile e cinico" sui migranti, con una posizione sull'accoglienza "vomitevole" e un governo impegnato a "strumentalizzare" politicamente il dramma degli sbarchi.

Anche Luigi Di Maio è intervenuto sul caso, affermando: "Sono contento che i francesi abbiano scoperto la responsabilità". Parlando all'assemblea di Confesercenti Salvini ha spiegato che "se i francesi avranno l'umiltà di chiedere scusa, amici come prima e si lavora nell'interesse di tutti, però insulti da parte di chi respinge e chiude i porti non li accettiamo". "Mi auguro e spero che eserciti la sua generosità anche nelle prossime settimane, avendo spazio per farlo" ha detto il Salvini ricordando che l'Italia accoglie 170mila migranti e la Spagna 16mila. Dal ponte di nave Diciotti della guardia di finanza i 932 migranti, salvati in sette operazioni di soccorso nel mare Mediterraneo, guardano con curiosità il molo di Catania e i soccorritori, giornalisti, cameraman e fotografi che lo affollano con, nello sfondo, la mole imponente dell'Etna. Il portavoce di "En Marche" pensi al suo Governo e si sciacqui la bocca prima di parlare dell'Italia e di Salvini. "E poi quella che c'è adesso al largo della Libia è di una Ong tedesca con bandiera olandese".

Anche la Presidenza del Consiglio risponde alla Francia. "Se l'Europa esiste deve dimostrarlo in questi minuti". E l'Italia replica con altrettanta durezza: "Non accettiamo lezioni ipocrite da Paesi che in tema di immigrazione hanno sempre preferito voltare la testa dall'altra parte". In queste ore ho sentito tanti colleghi europei.

Share