Diritti tv, un'applicazione salverà gli utenti dal doppio abbonamento

Share

"I tre pacchetti (dei diritti tv della Serie A per il triennio 2018-2021 ndr) sono stati assegnati a Sky e Perform. Mi auguro che si eviti il doppio abbonamento", ha detto. Riparte "90° Minuto". Siamo riusciti a ottenere maggior elasticità per le trasmissioni in chiaro. Così il presidente della Lega Serie A, Gaetano Micciché, annunciando l'assegnazione dei diritti tv del campionato a Sky, che "si aggiudica la parte principale delle partite", e a Perform.

G7, politologo commenta dichiarazioni sul "comportamento destabilizzante" della Russia
"Sono d'accordo con il presidente americano Trump: la Russia dovrebbe rientrare nel G8". Ma da Mosca non sembrano essere dello stesso avviso.

Mediaset bolla come "totalmente squilibrato" il bando sui diritti tv della Serie A. "Nonostante questo, per tutelare i diritti di visione dei clienti Premium, Mediaset ha partecipato per il pacchetto meno penalizzante (il pacchetto 6) offrendo una cifra rilevantissima, un totale di 600 milioni di euro in tre anni", si legge in una nota del Biscione. Il termine ultimo per presentare nuove offerte e' per le 20 di questa sera. Mediaset, invece, è fuori dai giochi. L'assemblea, che doveva riprendere alle 16.30, non è ancora ricominciata e la fase dei rilanci delle offerte in base al bando è aperta fino alle 20. Stamattina sono arrivate in via Rosellini le offerte di Sky, Perform e Mediaset. Secondo quanto riportato da Calcio&Finanza, le offerte presentate alla Lega Serie A da parte dei broadcaster non hanno portato all'assegnazione delle licenze. Se il prezzo minimo complessivo di 1,1 miliardi di euro a stagione verrà raggiunto, i diritti tv verranno assegnati immediatamente.

Share