Nave Aquarius, 600 migranti ancora in attesa dell'ok da Italia o Malta

Share

Sulla nave ci sono anche 123 minorenni non accompagnati, 11 bambini e 7 donne incinte. Ci sono poi 15 persone ustionate e parecchi migranti con sintomi di ipotermia. Ci sono Ong tedesche e spagnole, c'è Malta che non accoglie nessuno; c'è la Francia che respinge alla frontiera; c'è la Spagna che difende i suoi confini con le armi.

Il comma 2 precisa: tra le attività che potrebbero portare a considerare il passaggio non inoffensivo c'è anche "il carico o lo scarico di materiali, valuta o persone in violazione delle leggi e dei regolamenti doganali, fiscali, sanitari o di immigrazione vigenti nello Stato costiero". A far loro da sponda, oltre alle varie correnti di sinistra che per una volta si trovano unite, l'immancabile Laura Boldrini che twitta: "Salvini chiude i porti". Come si può immaginare, l'appello di Claudio, che forse, anzi di sicuro è una provocazione, è già bombardato (si fa per dire eh!) da numerosi commenti di vario genere. Una nuova decisione in questo senso - che dovrebbe essere presa sia da Salvini sia dal ministro dei Trasporti Danilo Toninelli - significherebbe probabilmente l'apertura di nuovi procedimenti da parte della Corte, e il peggioramento dei rapporti con gli alleati europei e occidentali. "È un imperativo umanitario, le persone sono in difficoltà, stanno esaurendo le scorte e hanno bisogno rapidamente di aiuto", afferma Vincent Cochetel, inviato speciale dell'Unhcr per il Mediterraneo centrale.

Lo scontro con Malta. Il contenzioso tra Malta e l'Italia nasce nel momento in cui il nostro paese decide (secondo la convenzione di Amburgo) di applicare il principio del "porto sicuro più vicino". "Vogliamo una modifica del regolamento di Dublino".

E ora che succede? "È stato disposto l'invio di due motovedette con medici a bordo pronti a intervenire al fine di garantire la salute di tutti gli occupanti dell'Aquarius che dovessero averne necessità", dice sempre il presidente del Consiglio. Lo stallo aveva di fatto bloccato la Aquarius in una zona di mare a metà strada fra Italia e Malta, in attesa di indicazioni chiare dal MRCC di Roma.

Aveva 3 kg eroina, finto prete arrestato
Una farsa che si è conclusa quando all'interno dell'imbottitura della borsa porta computer è stato trovato il carico di droga. Un finto prete nascondeva 3 kg di eroina purissima nella custodia del proprio PC.

Ma pare proprio che l'Italia voglia dare una lezione di disumanità all'Europa. "Il salvataggio è stato coordinato da Roma".

La nave in questione, l'Aquarius appartenente a Sos Mediterranee, sta adesso facendo rotta verso un porto di sicurezza non ancora assegnato.

"Eravamo in mare da meno di 24 ore - spiega Borges - quando le autorità italiane hanno ricevuto diverse chiamate di soccorso e hanno diretto le squadre qui in un'area di ricerca in cui sono state trovate due imbarcazioni con oltre duecento persone a bordo". Lo ha detto il portavoce di Angela Merkel, Steffen Seibert, rispondendo ad una domanda sulla situazione della nave Aquarius.

Matteo Salvini può deliberare in merito alla chiusura dei porti della penisola.

Share