G7 caos, Germania: "Trump ha distrutto la sua credibilità". Insulti Usa-Canada

Share

"Questo rende ancora piu' importante per l'Europa restare unita e difendere i suoi interessi in maniera ancora piu' aggressiva", ha sottolineato il capo della diplomazia di Berlino su Twitter.

Cosa ci possiamo aspettare dal G7 in Canada lo esemplifica molto bene l'ultima copertina dell'Economist.

Anche il presidente americano Donald Trump è arrivato a Singapore. Washington ha infatti lasciato prima il consesso dei capi di Stato occidentali per andare a Singapore e non ha risparmiato critiche nei confronti degli storici alleati. Tranne, appunto, l'Italia: unico Paese a sostenerlo nella richiesta di riammettere la Russia nel G8.

Joker, il film con Jared Leto si farà
Al momento, per esempio, è in lavorazione uno spin-off incentrato su Harley Quinn ( Margot Robbie ) intitolato Birds of Prey .

Ma forse, dopo i successi iniziali, questa strategia di "The Donald" si potrebbe risolvere in una pericolosa illusione: alleati e avversari, nel medio e lungo termine, saranno sempre meno inclini a riconoscere la leadership Usa e la sfideranno economicamente e militarmente dove sarà loro possibile.

Una scelta che ha fatto saltare anche solo un compromesso di facciata sul delicato e cruciale capitolo del commercio. "Il tutto si e' tradotto in un invito alla Casa Bianca". L'hotel in questione si chiama Capella. "Mantenere buone relazioni con gli Usa e andare in conflitto con i partner europei e' una paura che possiamo accantonare", ha aggiunto. Il vertice si conclude quindi con un nulla di fatto per fermare una guerra commerciale globale. A essere onesto, stiamo assistendo a qualcosa che porterà a un comunicato o a dei veri progressi o è semplicemente una sorta di affettuoso primo incontro che porterà a qualcos'altro? Le sue parole, mentre era gia' diretto verso Singapore, per lo storico vertice con Kim JonG-un, sono arrivate poco dopo che Trudeau aveva annunciato l'accordo da parte delle sette nazioni, ma aveva promesso rappresaglie contro i dazi degli Stati Uniti.

L'annuncio sul dietrofront di Trump ha una motivazione esatta, quantomeno formale: Trump s'è infuriato dopo aver sentito parlare in conferenza stampa il canadese Justin Trudeau, che nella sua conferenza stampa conclusiva ha attaccato la decisione americana di alzare tariffe aggiuntive sull'acciaio dal Canada per ragioni di sicurezza nazionale.

Share