Controlli ad Amazon, nasce l’opportunità: "Subito 1300 lavoratori in Italia"

Share

È questo quanto notificato dall'Ispettorato Nazionale del Lavoro al gruppo e-commerce dopo accertamenti sui confronti della società Amazon Italia Logistica. "Non sono invece emerse irregolarità, né sono state accertate violazione in tema di controllo a distanza dei lavoratori" conclude la nota. "Si è concluso, con notificazione del verbale di contestazione del 30 maggio l'accertamento iniziato nei confronti della ditta Amazon Italia Logistica lo scorso 7 dicembre".

Secondo uno studio condotto dagli ispettori del lavoro, l'azienda ha sfiorato le quote per l'utilizzo di "lavoratori somministrati" e ora, sarà obbligata ad assumere 1.300 lavoratori interinali. "Dopo l'importante accordo di Piacenza - ricorda la dirigente sindacale - continueremo a batterci per far rispettare i diritti e estenderli ai nuovi lavori. E' stato contestato all'azienda di aver utilizzato, nel periodo da luglio a dicembre 2017, i lavoratori somministrati oltre i limiti quantitativi individuati dal contratto collettivo applicato". Quindi si definisce "un datore di lavoro corretto e responsabile". L'azienda si è detta disponibile ad impegnarsi "affinché tutte le osservazioni che ci vengono rivolte siano affrontate il più rapidamente possibile". Nel verbale non è riportato il numero reale di contratti di somministrazione.

Calciomercato: Lazio-Felipe Anderson verso l'addio, il West Ham insiste
Nel mirino Acerbi, Romulo, La Gumina e anche l'ala del Sassuolo e della Nazionale Politano. Per sostituire il brasiliano, la Lazio valuta Azmoun del Rubin Kazan.

Poi la precisazione: "Ricorriamo nei periodi di picco a personale in somministrazione il cui ruolo ci aiuta a gestire con efficienza il nostro lavoro". "Finalmente, grazie alle denunce del sindacato e dei lavoratori coinvolti, l'Ispettorato del Lavoro ha accertato la grave lesione dei diritti per 1300 dipendenti di Amazon" ha dichiarato la segretaria confederale della Cgil Tania Scacchetti. Il centro di distribuzione di Castel San Giovanni ha aperto nel 2011 e impiegava 150 persone a tempo indeterminato. L'Ispettorato del lavoro: "Ha sforato le quote su interinali". "E così si scopre che in molti casi il tasso di sfruttamento della forza lavoro è alto", mentre il segretario generale della UIL, Carmelo Barbagallo, affida a Twitter la propria reazione: "E' una vittoria dell'impegno dei lavoratori e del sindacato e conferma la nostra linea".

Share