Nato, Di Maio rilancia: 'Restiamo alleati Usa, ma dialoghiamo con la Russia

Share

Lo ha detto Luigi Di Maio, ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, al termine dell'incontro con i vertici di Leonardo a Pomigliano d'Arco.

Roma, 7 giu. (askanews) - L'Italia resta un alleato degli Stati Uniti e il Governo "vuole lasciare l'Italia negli accordi e nelle alleanze" tradizionali.

"Restiamo nella Nato e alleati degli Stati Uniti, ma portiamo avanti anche il dialogo con gli altri Paesi, come la Russia, così come è sempre stato".

Allarme intossicazione nelle scuole di Pescara
La trasmissione del Campylobacter può avvenire per via orofecale e anche per via orale: liquidi, alimenti e, soprattutto, carne . La Asl ha individuato il batterio causa dell'intossicamento.

"Questo non sarà un Governo supino alle volontà degli altri Governi - ha aggiunto Di Maio - l'Italia storicamente ha avuto una funzione nell'ambito dell'alleanza occidentale, nell'ambito della Nato, di essere un Paese che dialogava con i Paesi dell'est. Quel regolamento continuava a scaricare sull'Italia il problema dell'immigrazione, ma ora tutti hanno capito che in Italia esiste un governo che non dice sì su ogni cosa", ha spiegato Luigi Di Maio, accolto nella sua Pomigliano da centinaia di persone.

Stoltenberg ieri è stato chiaro, ha ribadito che "La Russia deve cambiare comportamento prima che le sanzioni vengano rimosse" e, annunciando la piena disponibilità ad incontrare presto il premier italiano Giuseppe Conte anche perché "l'Italia è un alleato importante per la Nato", ha precisato che "Accolgo con favore l'apertura del dialogo dell'Italia con la Russia (...) cioè in linea con il doppio approccio della Nato, forte difesa e deterrenza combinate con il dialogo politico".

"Durante la riunione Nato oggi non abbiamo parlato delle sanzioni" alla Russia. "Ovviamente il nuovo governo sta iniziando appena il suo lavoro e le sue priorità in politica estera si definiranno in futuro". Per il Ppe, però, "è troppo presto per toglierle".

Share