Funerali a Marchionne, Corte: licenziati

Share

La Corte di Cassazione ha annullato il reintegro di cinque operai dello stabilimento Fca di Pomigliano d'Arco, accogliendo il ricorso dell'azienda contro la decisione della Corte d'Appello di Napoli che a settembre del 2016 aveva invece disposto il rientro delle tute blu in fabbrica. In serata Di Maio lo va a trovare: "Mimmo - spiega - è un mio concittadino che ha perso il lavoro e che oggi ha fatto un gesto disperato".

All'uscita dall'ospedale di Nola, dove Luigi Di Maio ha incontrato l'operaio che si è cosparso di benzina, a poca distanza dall'appartamento del ministro del Lavoro, quest'ultimo si è soffermato con le mogli di due disoccupati. "Gli dico che lo Stato c'è". I fondi europei per il Sud li gestirà il ministro per il Mezzogiorno, che è anche quello con la delega alla Coesione territoriale, retto da Barbara Lezzi".La visita prosegue nell'hangarLeonardo: "Questa azienda - riprende Di Maio - è un esempio di modello che funziona, poi abbiamo tanta sofferenza.

Corona: "Se Salvini fa il ministro dell'Interno, io posso andare alla Giustizia"
La Dda, che aveva chiesto una condanna a 5 anni, ha fatto ricorso, coltivato dal sostituto pg Maria Pia Gualtieri. Le deposizioni in aula, secondo il pg, servirebbero "per una diversa valutazione dei fatti".

I lavoratori furono licenziati ma la sanzione venne confermata dal tribunale di Nola. Nei giorni della contestazione nel giugno del 2014 il clima era pesante a Pomigliano. Sergio Marchionne davanti ai cancelli di Pomigliano, nel Napoletano. Secondo la Cassazione, però, neppure la satira "può esorbitare la continenza" con l'attribuzione di qualità "disonorevoli", "riferimenti volgari" e "infamanti". E ravvisando un errore di diritto nella decisione d'appello, ha deciso nel merito la causa confermando i licenziamenti. "Le modalità espressive della critica manifestata dai lavoratori - ha scritto nella sentenza la sezione lavoro della Suprema Corte - hanno travalicato i limiti di rispetto della democratica convivenza civile", con "un comportamento idoneo a ledere definitivamente la fiducia che sta alla base del rapporto di lavoro".

Share