Conte risponde a Renzi: "Colleghi? E' professore lui?"

Share

"Con queste premesse, Matteo Renzi dichiara inoltre che il modo in cui l'opposizione si comporterà, in primo luogo in Parlamento, non comprenderà le provocazioni gratuite, "(...) ma non vi faremo sconti".

È il giorno della fiducia alla Camera per il governo di Giuseppe Conte. L'ex presidente del Consiglio spiega le ragioni del suo intervento e bacchetta i due soci di maggioranza del governo gialloverde: "Salvini e Di Maio sono due facce della stessa medaglia..." Non sono d'accordo con la frase di Di Maio, perché è di Luigi XIV ed è vero che avete fatto la storia almeno otto volte almeno in 89 giorni ma voi non siete lo Stato, siete il potere, siete l'establishment. La rispetteremo fuori da questa aula quando porterà i nostri colori al G7, a Bruxelles, quando prenderà la parola all'Onu. "Oggi in questa aula c'e' la presenza di una triplice posizione davanti al voto di fiducia di chi si e' presentato insieme davanti agli elettori". Enrico Letta, sempre al Senato, poteva contare invece su un'ampia maggioranza bipartisan che nel settembre del 2013 votò la fiducia con 235 sì.

L'ex premier ha sottolineato tutte le criticità che rileva nei provvedimenti scritti nel programma congiunto di Lega e M5S. Insomma, se oggi si passa la "maginot" di Palazzo Madama, tutto andrà in discesa per il Governo Conte che nel frattempo deve già fare i conti con le prime polemiche sul fronte migranti e flat tax. Si tratta di 58 senatori della Lega e 109 del Movimento 5 stelle.

Bumblebee - Il Film: primo trailer dello spin-off di Transformers
Quando Charlie lo risveglia, scopre rapidamente che non si tratta del classico maggiolino giallo Volksvagen... A dirigere il film c'è Travis Knight , mentre la protagonista è Hailee Steinfeld .

Bisogna obiettivamente aggiungere che questo successo elettorale contiene una effettiva "voglia di cambiare" rispetto a un certo stile della classe dirigente precedente, che in qualche modo si è prodotta una "rivoluzione" di un nuovo personale politico percepito, a torto o a ragione, come più rappresentativo di certi sentimenti di disagio che percorrono vaste fasce sociali investite dalla crisi economica.

Paolo Gentiloni ebbe dal Senato 169 voti favorevoli, come anche Matteo Renzi.

Share