Venti bambini intossicati a scuola, il sindaco di Pescara sospende la mensa

Share

Uova, pasta, carne, verdure e ortaggi, sono gli alimenti consumati nelle mense delle scuole di Pescara giovedi' e venerdi' scorso, nei giorni precedenti ai primi malori accusati dai bimbi poi finiti in ospedale con i sintomi di una tossinfezione alimentare.

Intanto, oggi pomeriggio, alle 17,30, nella sala riunioni della Direzione generale, la Asl di Pescara terrà una conferenza stampa per "fare il punto sul focolaio di gastroenterite che ha colpito numerosi bambini di Pescara". "Siamo sicuri che questa scelta provocherà dei disagi organizzativi alle famiglie, alle quali chiediamo collaborazione e confermiamo vicinanza e tutela, ma riteniamo che la salute dei bambini sia la priorità, come prioritario è fornire un servizio di qualità, per questo abbiamo attivato sul cibo somministrato dal gestore del servizio la rigorosa filiera dei controlli prevista dall'appalto e in piena sinergia con Nas e Asl che stanno provvedendo agli accertamenti".

I casi accertati finora sono 120. In totale le persone intossicate sono salite a più di 180 (fra cui almeno sei insegnanti), appartenenti a sei o sette scuole della città e residenti in zone diverse del capoluogo adriatico.

Nainggolan: "Le donne mi vogliono, difficile rifiutare..."
Nainggolan ha poi parlato così in merito al tema dell'omosessualità nel mondo del calcio: "Non lo rivelano perché si vergognano ". In conclusione di questa curiosa intervista però ecco la domanda sul calcio.

Nella giornata di oggi dovrebbero giungere i primi risultati relativi agli accertamenti epidemiologici disposti dalla Asl di Pescara subito dopo la segnalazione dei primi casi di malore.

Il Comune di Pescara ha deciso di sospendere il servizio mensa fino a giovedì, giorno di chiusura delle scuole, tranne gli asili nido che chiuderanno il 29 giugno.

Sono circa 150 le persone arrivate al pronto soccorso di Pescara; 23 i bambini al momento ricoverati nel reparto di Pediatria. Alessandrini annuncia anche formule compensative per le rette sul tempo pieno "che verrà ripristinato una volta accertato che il cibo non ha determinato la situazione creatasi".

Share