Piazza Affari apre a +2,30% e lo spread cala

Share

La nascita del governo di Giuseppe Conte sostenuto da Lega e Cinque Stelle e la probabile sostituzione del premier spagnolo Mariano Rajoy, leader popolare, con il socialista Pedro Sanchez, spingono le Borse di Milano e Madrid, la prima in crescita del 2,6% e la seconda dell'1%. Il rendimento decennale italiano, inoltre, è sceso al 2,52%. L'aumento dello spread tra titoli di Stato italiani e titoli di Stato tedeschi incide, un po' come se fosse un'influenza virale, anche sul rendimento dei titoli di debito emessi dalle banche italiane che si trovano così costrette, a loro volta, ad aumentare il tasso di interesse (i.e.il rendimento). Bene Unipol (+4,1%), banca Generali (+3,9%), Intesa (+3,8%) e Unicredit (+3,4%). Fuori dal listino principale Mps sale del 2,4%. L'indice Ftse Mib ha avviato gli scambi in crescita del 2,15% a 22.260 punti.

DAZI - Mercati asiatici in rosso nell'ultima seduta della settimana. Restano invece sullo sfondo le questioni italiane, con la fine della gestazione del governo.

Segnali estremamente positivi arrivano anche dalle Borse che, non solo in Italia, fanno registrare degli ottimi risultati. Londra, invece, guadagna lo 0,62%, Parigi l'1,28% e, infine, Francoforte il +1%.

Ralph Spaccatutto 2: anche le Principesse Disney nelle nuove immagini ufficiali
La loro missione consiste nel recuperare un pezzo di ricambio per il videogioco di Vanellope , Sugar Rush . All'uscita del 2012, il primo Ralph Spaccatutto aveva incassato 471,2 milioni di dollari al box mondiale.

Chiusura in netto calo per la Borsa di Tokyo che ha accusato il rafforzamento dello yen, dovuto alla crescente preoccupazione per la crisi politica che sta scuotendo l'Italia. Sul mercato valutario il dollaro si attesta a 108,72 yen, contro i 109,00 yen di martedì, mentre l'euro ha continuato la sua caduta, scendendo a 125,60 yen, contro i 126,80 yen del giorno prima.

Quotazioni del petrolio in calo, con i contratti sul greggio Wti con scadenza a luglio che cedono lo 0,2% a 66,89 dollari al barile. Attesi in giornata il dato sul pil italiano nel primo trimestre e il tasso di disoccupazione a maggio negli Usa, oltre all'indice statunitense Pmi manifatturiero finale a maggio.

Share