Passeggero 'puzza come un cadavere': atterraggio d'emergenza per un Boeing 737

Share

Brutta disavventura a bordo del volo Transavia HV5666 da Amsterdam in Olanda a Gran Canaria, costretto ad un dirottamento e a un atterraggio d'emergenza a causa del fetore di un passeggero. Non è insolito, infatti, che il volo possa essere disturbato da vicini di posto troppo rumorosi, timorosi o bisognosi di attenzione al punto da non smettere mai di parlare, ma ciò che è successo su un volo partito da Amsterdam e diretto a Gran Canaria (isola principale delle Canarie) è sì insolito e anche piuttosto inverosimile: l'aereo è stato costretto all'atterraggio dalla puzza emanata da uno dei passeggeri. Secondo i racconti dei passeggeri, il cattivo odore era così forte da provocare conati di vomito ai viaggiatori. A quel punto il personale di bordo ha "Messo in quarantena" l'uomo in uno dei bagni, ma questo non è servito a scongiurare il malessere dei passeggeri. A costringere il pilota a fare una deviazione forzata è stata la presenza di un passeggero maleodorante che, secondo quanto riportato dal quotidiano olandese De Telegraaf, sembra non si lavasse da diversi giorni.

TORINO. Gli ricostruiscono il pene con un lembo del braccio
Alla visita urologica la lesione è risultata sospetta per un tumore infiltrante del pene . L'operazione è durata all'incirca 8 ore ed è perfettamente riuscita.

La compagnia Transavia si è limitata a confermare che il volo ha "effettuato un atterraggio d'emergenza a Faro come misura precauzionale in relazione a un passeggero", senza aggiungere altro nel rispetto della stretta normativa sulla privacy. "Diversi passeggeri si sono ammalati e hanno dovuto vomitare". L'odore era talmente pungente da uscire dalla porta del bagno e nei pochi minuti di volo aveva impregnato i bagagli a mano che i passeggeri avevano spostato nelle prime file.

Share