L'astronauta Luca Parmitano sarà comandante della ISS

Share

Luca Parmitano è stato il primo degli astronauti dell' Esa selezionati nel 2009 per volare sulla Stazione Spaziale nel 2013 ed è rimasto in orbita per 166 giorni. Sono le parole dell'astronauta dell'Agenzia spaziale europea (Esa) Luca Parmitano dopo l'annuncio del suo ruolo di comandante della Stazione spaziale internazionale. Per questo, nella prima parte della permanenza in orbita, spiega ancora l'astronauta, "avrò tempo per confrontarmi con l'equipaggio che troverò a bordo, avrò modo di comprendere appieno" e di subentrare quando scatterà la Expedition 61.

Nel 2002 ha completato il corso JCO/CAS con la USAFE a Sembach, in Germania, e poi è tornato in Italia a Pratica di Mare, dove nel 2003 si è diplomato come Ufficiale di Battaglia Elettronica alla ReSTOGE. In quell'occasione l'astronauta originario di Paternò riuscì ad atterrare nonostante le estreme difficoltà sia per i danni riportati che per la scarsissima visibilità, dimostrando un sangue freddo eccezionale e la sua abilità. "I primi in assoluto a saperlo sono stati mia moglie, le mie figlie e i miei genitori". Una situazione di rischio che Parmitano ha dimostrato di saper gestire. Parmitano aggiunge così un nuovo primato al suo curriculum: infatti è stato anche il primo italiano ad aver effettuato una 'passeggiata spaziale', ovvero un'attività extraveicolare fuori dalla Stazione spaziale. "Essere il comandante delle persone più addestrate e preparate sulla Terra - e sopra la Terra - è un compito impegnativo, e mi vedo come una persona che si impegnerà per rendere più facile il lavoro di tutti gli altri: il mio scopo sarà di mettere tutti nella condizione di lavorare al meglio delle proprie capacità". In definitiva, però, sarò il responsabile della sicurezza dell'equipaggio e della stazione e lavorerò per il successo generale della missione.

"Iannone in FP" ma è record velocità per il Dovi
La sessione di libere è stata interrotta per un grave incidente occorso a Michele Pirro , scivolato alla staccata del San Donato. Dalla seconda fila del Gp d'Italia 2018 partirà invece Andrea Iannone , pronto a scattare dalla quarta casella in griglia.

"Sono stato abbastanza fortunato, nella mia esperienza, da lavorare con capigruppo di cui avere ammirazione - dice ancora Luca - e farò quindi del mio meglio per seguire il loro esempio e i loro insegnamenti per raggiungere questi obiettivi". E' il primo italiano (e il secondo astronauta europeo) ad essere scelto per ricoprire questo incarico.

Share