Italia: Pil I trimestre (finale) confermato a +0,3% t/te +1,4% a/a

Share

Nel primo trimestre del 2018 il prodotto interno lordo, destagionalizzato e corretto per gli effetti di calendario, è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dell'1,4% nei confronti del primo trimestre del 2017. Lo rileva l'Istat, che conferma le prime stime.

La stima completa dei conti economici trimestrali conferma che nel primo trimestre il Pil è cresciuto in termini congiunturali dello 0,3%, in leggera decelerazione rispetto al quarto del 2017; l'incremento tendenziale è dell'1,4%, anche esso in rallentamento. Rivista al rialzo la crescita congiunturale per il 4° trimestre 2017, dal +0,3% a +0,4%.

La variazione acquisita per il 2018, ovvero la crescita che il Paese farebbe segnare ipotizzando che nei tre trimestri successivi non intervengano variazioni, è pari a +0,8%. La variazione delle scorte ha contribuito positivamente per 0,7 punti percentuali, a fronte di un apporto negativo della domanda estera netta di 0,4 punti percentuali.

Istat, è record di occupati. Ma i giovani restano senza lavoro - Economia
Lo riferisce l'Istat , sottolineando che " la stima degli occupati continua a mostrare una tendenza alla crescita ". L'aumento interessa entrambe le componenti di genere e tutte le classi di eta' ad eccezione dei 35-49enni.

Secondo i dati dell'Istituto nazionale di statistica, rispetto al trimestre precedente, i consumi finali nazionali registrano un aumento dello 0,3%, mentre gli investimenti segnano una diminuzione dell'1,4%. Le famiglie hanno visto crescere la spesa dello 0,3%, con un aumento degli acquisti di beni durevoli dello 0,1% e il +2,9% per i beni semidurevoli.

Il primo trimestre è stato positivo per agricoltura e servizi, con un valore aggiunto in crescita rispettivamente del 4,6% e dello 0,3%. Nulla la variazione delle "unità di lavoro" e dei redditi da lavoro dipendente pro-capite.

Share