MotoGP - Iannone: "Ritorno in Ducati? Chiacchiere da bar"

Share

"Le Yamaha qui sono molto forti, vedremo Johann soprattutto che qui ha una motivazione ulteriore, ma anche la Ducati credo che sarà forte, il livello è molto equilibrato per tutti, anche la Suzuki è lì quindi sarà dura salire sul podio, ma il mio primo obiettivo sarà conquistare il podio e se possibile vincere", ha esordito in conferenza stampa il campione del mondo in carica.

Il campionato di Moto GP deve ancora entrare nel vivo, ma a tenere banco, dopo un weekend dedicato alla Formula 1, è il mercato piloti, e in particolare Andrea Dovizioso, uno dei top riders che potrebbero muoversi nella prossima stagione. Dovizioso, a margine della conferenza piloti pre Gran Premio di Francia, ha rivelato ai microfoni di Sky Sport: "Simone Battistella, il mio manager, arriva questo pomeriggio e in questi giorni lavorerà insieme al team sulle cose da mettere a posto". Da un lato, infatti, Desmodovi pretende quel sostanzioso aumento di stipendio che si è più che meritato, stravincendo la sfida interna con Jorge Lorenzo e dimostrandosi l'unico in grado di infastidire Marc Marquez nella corsa iridata. Devo riconoscere un grandissimo supporto da parte di tante persone. Ma in piedi c'e' anche la trattativa con la Honda: "Stiamo parlando anche con la Honda, e' il mio mestiere, c'e' stato l'interesse di altri costruttori ma il nostro focus e' quello di continuare con Ducati. E' una cosa che rafforza certi rapporti". Ancora in tema Ducati: "Andrea ha un feeling fantastico con la sua squadra". La valutazione di Andrea con la squadra ha pesato molto. "Nonostante ci siano state frizioni, questo fa parte della crescita".

Lichtsteiner a sorpresa: "Non vado al Borussia Dortmund"
Mia moglie e i miei figli hanno bisogno di sentirsi bene, non sarebbe il caso in Cina . "Non ho bisogno di soldi". Lichtsteiner chiude la porta anche ad un possibile trasferimento in Cina: " Non andrò sicuramente in Cina ".

Intanto il pilota maiorchino non si tira indietro e interviene nuovamente sulla questione: "Dopo quello che è successo a Jerez non vedo l'ora di correre a Le Mans". Le richieste del pilota erano abbastanza precise nei confronti di Ducati.

"Onestamente ha fatto meglio di quanto si sperava, a dimostrazione di quanto possa essere veloce con la nostra moto".

Share