Il tribunale riabilita Berlusconi: "Su di lui nessuna segnalazione negativa"

Share

La Procura generale di Milano aveva quindici giorni di tempo per esprimersi sulla decisione del Tribunale di Sorveglianza, che ha sancito la riabilitazione dell'Ex Cavaliere, nonché ex Premier e leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, e ricorrere eventualmente alla Cassazione, ma la Procura ha deciso di non opporsi e quindi il presidente di FI potrà ricandidarsi alle prossime elezioni. È quanto trapela dagli uffici di Roberto D'Alfonso.

E i "carichi pendenti" dei procedimenti Ruby ter in corso a "Milano, Roma e Torino" non escludono "di per sé la sussistenza della regolarità della condotta".

Previsioni meteo: settimana fredda e instabile
Mare: Poco mosso al mattino con moto ondoso in aumento tra la tarda mattinata e il tardo pomeriggio . La giornata di lunedì vedrà un tempo ancora instabile , con possibili rovesci a carattere sparso.

Berlusconi - scrivono ancora i giudici - "non ha riportato condanne ulteriori rispetto a quella per cui si chiede la riabilitazione, neanche per fatti antecedenti al periodo in valutazione". Solo due denunce del 2013 per diffamazione e "reati di scambio elettorale e truffa", entrambe archiviate. E aggiungono: "Si richiama l'ormai consolidato e condiviso orientamento della giurisprudenza della Corte Suprema, secondo il quale la mera pendenza di un procedimento penale per fatti successivi a quelli per cui è avvenuta la condanna a cui si riferisce l'istanza, non costituisce di per sè ostacolo all'accoglimento dell'istanza di riabilitazione in ragione della presunzione di non consapevolezza". Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori. Con la riabilitazione, che "estingue le pene accessorie e ogni altro tipo di effetto penale della condanna", decadono com'è noto anche le conseguenze della legge Severino, che all'articolo 15 sancisce l'incandidabilità al Parlamento per i sei anni successivi a una condanna definitiva.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google.

Share