Scudetto alla Juve: è il settimo consecutivo

Share

Ci rimane un pizzico di rammarico per la Champions e qualcosa di meno per il campionato. Lucido, sereno e consapevole. Ma da fine novembre a fine marzo, grazie anche al passaggio al centrocampo a 3 per dare più equilibrio, la Juve ha letteralmente blindato la propria porta, mettendo i mattoni per il settimo piano del suo palazzo scudetto. Se c'entra il mercato? Sono in difficoltà a parlarne perché non è mio ruolo e non voglio de-responsabilizzare noi giocatori. I modi di fare sono un po' eccessivi a volte: sui falli subiti entrava in campo la panchina, ma è la mentalità di fare le cose tutti insieme. La potenza economica della Juve gli permette di avere un 'arsenale' mostruoso. Le voci di mercato a gennaio?

In streaming la partita sarà visibile per gli abbonati Sky tramite il servizio Sky Go, che consente di vedere i programmi Sky su pc e dispositivi mobili. Non pensando che i più bravi si debbano mettere sul podio e gli altri a guardare. CI manca quello che hanno loro, il martellare domenica dopo domenica squadre inferiori a noi, il saper mantenere una certa superiorità in partite difficili, quest'anno in molte partite hanno giocato male, sembravano irriconoscibili ma le hanno vinte tutte. "Ringrazio questo gruppo che mi ha accolto nel migliore dei modi". L'anno prossimo possiamo accorciarlo questo gap. Di fila. Il numero 7 per gli Egizi rappresentava la vita, i greci lo chiamarono venerabile, Platone anima mundi.È un numero che culture del passato, filosofie, religioni hanno eretto a simbolo di perfezione. Stiamo crescendo ma non dobbiamo smettere.

Festival di Cannes, 10 minuti di applausi per "Lazzaro" di Alice Rohrwacher
Il Festival di Cannes 2018 continua a regalare grandi soddisfazioni ad Alice Rohrwacher che ha stupito tutti con la sua ultima opera " Lazzaro Felice ".

Un campionato che ancora una volta è stato dominato dalla Juventus, fresca della vittoria della Coppa Italia contro il Milan. La Juve, ad esempio, contro l'Inter era irriconoscibile eppure ha vinto.

"Faccio fatica a parlare delle mie prestazioni ma gli ultimi anni mi hanno reo orgoglioso". Nessuno mi ha mai messo pressioni nè mi ha fatto sentire uno di troppo. Mohamed Salah era l'uomo fuori schema, quello al quale appoggiarsi quando le cose non giravano nel verso giusto, l'uomo dello strappo, della transizione, della folata negli spazi, l'uomo che ti fa respirare quando la pressione avversaria si rende insopportabile. E' sempre importante comunque arrivare in Champions, abbiamo visto cosa può offrirti.

Share