Lupo ucciso e appeso, due denunce

Share

Hanno recuperato le immagini delle telecamere di videosorveglianza, le analizzate a fondo e hanno indididuato il Ford Transporter biancoq dal quale era stato scaricata la carcassa di un lupo appena ucciso. La denuncia arrivava tramite la pagina Facebook 'Basta delfinari'. Ma solo ora si è giunti all'identificazione dei responsabili di uno scempio che ha lasciato molti senza parole. Su un Volkswagen Trasponder, in piena notte, si erano recati presso la pensilina dell'autobus, appendendo la carcassa del lupo. Le associazioni animaliste di Rimini hanno già annunciato la loro costituzione in parte civile al processo.(Rimini) Due persone sono state denunciate per maltrattamento, cattura, uccisione e furto aggravato di un esemplare di una specie animale particolarmente protetta. Il mezzo è risultato essere intestato a un'azienda agricola di Coriano e, la lente d'ingrandimento dei carabinieri Forestali, si è concentrata sul titolare e i suoi collaboratori. Nel furgone, inoltre, sono state trovate numerose tracce ematiche e formazioni pilifere. L'autopsia ha accertato che la morte dell'animale era dovuta a "fratture multiple della scatola cranica, con lacerazioni ossee e disgregazione della materia cerebrale" procurate con un "corpo contundente pesante". Il cerchio delle indagini si è andato così stringendo sull'azienda agricola.

Grazie ai tabulati telefonici, si è risaliti a una telefonata fatta dal 43enne al padre 82enne proprio la notte in cui è stato trovato impiccato il lupo. Prima è stato avvelenato con del topicida, poi finito a bastonate.

Scudetto alla Juve: è il settimo consecutivo
Un campionato che ancora una volta è stato dominato dalla Juventus , fresca della vittoria della Coppa Italia contro il Milan . Se c'entra il mercato? Sono in difficoltà a parlarne perché non è mio ruolo e non voglio de-responsabilizzare noi giocatori.

Questi hanno inoltre fatto irruzione nell'azienda, dove sono emersi altri reati: macellazione clandestina, maltrattamenti di animali, abbandono di rifiuti, detenzione illecita di animali pericolosi.

In base a quanto riportato dalla stampa, secondo gli inquirenti dell'Arma, il movente sarebbe da ricercare negli assalti subìti alle greggi dei proprietari dell'azienda agricola, che si sarebbero voluti fare giustizia da soli.

Share