Ilva, sindacati in fermento. Sciopero in vista. Emiliano: "Lo sosterremo"

Share

Cresce la preoccupazione tra i lavoratori dell'Ilva di Taranto, in particolare per i quattromila esuberi previsti dal Piano di cessione del siderurgico all'AmInvestco, cordata che si è aggiudicata il colosso dell'acciaio.

Breve passo indietro. L'ultimo vertice tra Governo e sindacati è fallito sulla proposta Mittal, in buona parte rimasta immutata negli ultimi mesi sul nervo scoperto degli esuberi: l'azienda ha assicurato assunzioni di 10mila dipendenti su 14mila.

Italia's Got Talent 2018, ecco i nuovi giudici
Chi volesse partecipare come pubblico può iscriversi telefonando allo 02 92 800 555 o scrivendo, per le rispettive città. Per Federica Pellegrini questa sarà la prima vera esperienza televisiva, dopo le tante ospitate nei vari programmi tv.

Agenpress. "In caso di sciopero Ilva, la Regione Puglia parteciperà assieme a tutti i lavoratori ed ai loro sindacati".

Proposte ritenute irricevibili dai sindacati che contestavano anche la titolarità del ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, a coordinare il negoziato in rappresentanza di "un governo ormai scaduto". Lo spiega il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, in un post su Facebook. Le dichiarazioni dei partiti che dovranno dare vita al prossimo Governo già fanno registrare la distanza tra le posizioni in campo, con il Movimento 5 Stelle che si è già espresso per la riconversione economica (che implica la chiusura programmata degli impianti) e la Lega, che con i suoi esponenti pugliesi dichiara imprescindibile il mantenimento in attività della più grande fabbrica d'Europa.

Share