Governo: Mattarella sta logorando Lega e 5 Stelle

Share

"Se io vado al governo voglio fare quel che ho promesso di fare su cui gli italiani mi han votato, sulla Fornero, evitare l'aumento dell'Iva, ridurre le accise sulla benzina, sull'immigrazione su cui Lega e M5s partono da notevole distanza: nel rispetto dei diritti umani e dei trattati mi rifiuto di pensare all'ennesima estate e autunno del business dell'immigrazione clandestina in saldo".

Dopo Di Maio il Presidente della Repubblica incontra Salvini, che parla dopo un incontro di un'ora.

Salvini. "Non penso che nessuno si scandalizzi se per sincerità, schiettezza e coerenza abbiamo chiesto qualche altra ora per vedere se sui temi di cui parlo si arriva alla quadra".

Ma è un profilo, quello del professor Conte, già inserito da Di Maio nella squadra cinquestelle in campagna elettorale, che non ha alle spalle esperienze di governo, mentre si tratta di rappresentare il nostro paese anche a livello internazionale, e in alcuni delicatissimi vertici europei, a cominciare dal consiglio Ue di fine giugno. "Ma sono orgoglioso di mettercela tutta per mantenere le promesse e dare un futuro migliore all'Italia e ai nostri figli", aveva scritto su Twitter il leader della Lega. "Se ci sarà questa condivisone saremo le persone più contente del mondo".

Vittorio Colao lascia la guida di Vodafone, al suo posto Read
Lo annuncia in una nota la multinazionale inglese attiva nel settore della telefonia mobile. Il dividendo per azione va a 10,23 cent, in crescita del 2%.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano.

In tutto ciò Berlusconi, rinfrancato dalla riabilitazione politica e pronto a rientrare in Senato, non nasconde il proprio scetticismo sulla riuscita del tentativo giallo-verde: ha fatto il sospirato "passo di lato", ha detto, per togliere ogni alibi sia a Salvini che a Di Maio. E anche sui ministri - almeno su quelli più importanti come Interni, Esteri, Economia e Difesa - Mattarella dirà la sua opinione, e sarà vincolante. "Ma che vi aspettavate? Sottoporremo il contratto di govrno ai nostri iscritti con un voto online che sarà chiamato a decidere se far partire questo governo o no".

"Buonasera a tutti. Sarò molto schietto, così almeno il pubblico che sta seguendo Mentana, Sky Rainews capisce cosa stiamo facendo". Tra i papabili dell'ultim'ora - sopravvissuti ai veti incrociati - spuntano Giulio Sapelli, economista e docente della Statale di Milano, e Giuseppe Conte, ordinario di Diritto privato all'Università di Firenze: il primo sponsorizzato dalla Lega, il secondo dai Cinque Stelle.

Share