Usa: sanzioni Iran forse anche per Ue

Share

Le sanzioni degli USA potrebbero ora abbattersi sull'Europa e, nello specifico, sulle aziende del blocco che continueranno ad intrattenere rapporti con l'Iran. Lo ha dichiarato il consigliere per la sicurezza internazionale John Bolton. L'amministrazione Trump non ha alcuna intenzione di fare sconti ai Paesi che non seguiranno Washington nel ripudiare l'accordo sul programma nucleare dell'Iran. "Gli europei hanno tra i 45 e i 60 giorni per dare le garanzie necessarie", altrimenti Teheran "prenderà le decisioni necessarie", ha dichiarato il vice di Zarif, Abbas Araghchi.

M5S, Di Maio: "Chiesto sostegno della Meloni? Follia pura"
Così fonti M5S all'Ansa spiegano che Di Maio ha incontrato Meloni per capire che tipo di appoggio avesse intenzione di dare. Ecco la dichiarazione ed il video di Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia pubblicata sulla sua pagina facebook .

Aziende Ue col fiato sospeso dunque, con l'interscambio tra l'Italia e Teheran che ha abbondantemente superato i tre miliardi di euro, con il nostro Paese presente in Iran anche con marchi come Fs, Ansaldo, Danieli, Fata, Maire Tecnimont, Immergas. Potrebbe essere ad esempio colpita l'Eni, che in Iran lavora dal 1957, ma dalla caduta delle sanzioni seguita all'accordo sul nucleare sono migliaia le pmi che hanno preso a produrre, esportare o importare in e dall'Iran. Intanto il ministro degli Esteri iraniano, Javad Zarif, ha cominciato un'offensiva diplomatica da Pechino a Mosca, passando per Bruxelles, per cercare di capire se è possibile salvare l'accordo. Nell'incontro, Zarif ha sottolineato che e' un obbligo da parte di tutti i firmatari dell'accordo quello di metterlo in atto in maniera "sostenibile, complessiva ed efficace" e che "l'Iran e' pronto a fare i suoi sforzi".

Share