Roberta Vinci in campo, esplode il tifo dei tarantini

Share

Ad aprire il video c'erano le immagini della prima, nel 2006 contro il Belgio, mentre la chiusura non poteva che essere con la finale dello Us Open, il punto più alto della vita sportiva della Roberta tennista, ma anche del personaggio Vinci.

È finita al primo turno l'avventura di Roberta Vinci agli Internazionali BNL d'Italia, torneo Wta Premier dotato di un montepremi di 3.351.720 dollari di scena sulla terra rossa del Foro Italico.

Roma, Di Francesco: "La Juventus è un esempio da seguire"
Sono convinto che ci sia il desiderio di entrambe le parti di continuare questo rapporto. Questo l'annuncio pubblicato su Juventus.com : " Storia , leggenda, mito".

Braccia al cielo per salutare il suo pubblico che l'ha sostenuta fino all'ultima palla. Poi magari mi piacerebbe allenare, un giovane o un top player, chissà.Le motivazioni sono varie: non ho più trovato gli stimoli per allenarmi, per fare i sacrifici senza i quali non si arriva ai livelli più alti. "In queste settimane ho cercato di allenarmi per arrivarci in una forma decente". Un'impresa che è scritta nella storia, che farà dire a coloro che hanno visto quella partita "Io c'ero, ho vissuto quei tre set" e che potranno tramandare le emozioni di una serata che non si cancellerà mai. Solo tre game per l'italiana, sconfitta 6-1 6-2 dall'estone Kanepi, proveniente dalle qualificazioni, numero 59 Wta. Non lo vedo drammatico questo cambio generazionale: "ci sono diverse giocatrici che possono crescere".

FUORI ANCHE ROSATELLO E AZARENKA - Oltre alla Vinci il tennis italiano ha perso un'altra azzurra all'esordio agli Internazionali d'Italia. Annunciato quello di Karin Knapp, atteso quello di Francesca Schiavone, è stata però Roberta Vinci la prima ad arrivare in conferenza stampa a e confermare la sua scelta. Una come Roberta meritava che ci fossero proprio tutti, ma resta una piccola nota stonata in un concerto di emozioni. Lascia senza rammarico: "Se guardo indietro non rimpiango nulla". È difficile perché più si va avanti più il tennis diventa fisico e riuscire a fare bene con il mio tipo di gioco diventa sempre più dura. E, al termine della sfida, tutto il "Pietrangeli" ha tributato un lungo applauso che ha fatto il paio col boato che aveva accolto la tennista all'ingresso dell'impianto.

Share