Udinese - Tudor: "Squadra senza personalità, vedrete cambiamenti. A Verona sarà durissima"

Share

Del Verona già retocesso non si fida: "Mi aspetto una partita difficile". Se il Verona fa poco è anche vero che la tensione penalizza troppo i friulani che nella ripresa cominciano ad aver paura di vincere. Fondamentale la gara di domani? Nel secondo tempo non succede praticamente nulla e l'Udinese traghetta senza problemi il match blindando una vittoria che potrebbe significare salvezza. Se facciamo le cose bene arriveranno i punti che ci servono. Squalificato Fofana nell'Udinese, dovrebbe tornare Jankto: il ceco si posizionerà come mezzala sinistra con Balic favorito su Barak dall'altra parte del campo, in mezzo giocherà Behrami con Widmer e Alì Adnan che saranno gli esterni - anche se Giuseppe Pezzella potrebbe essere mandato in campo dal primo minuto. "Devo scegliere coloro che stanno meglio per la partita di domani visto che c'è bisogno di freschezza e personalità".

Ci saranno parecchie novità di formazione? Davanti ancora De Paul a supporto di Lasagna, questa almeno sembra essere la scelta di Tudor; non cambia la difesa con Bizzarri a occupare la porta e Danilo a comandare la linea a tre, completata da Stryger Larsen e Samir che - come Hallfredsson, Heurtaux e il già citato Matos - è un ex della partita. Lo vedo bene in allenamento, lui ha personalità e spero che domani faccia una grande partita. Non importano le cose sulla carta, il Verona darà tutto e ci metterà in difficoltà. Il derby triveneto è sempre molto interessante, ma in questo contesto vale solo per gli ospiti: l'Udinese infatti si è clamorosamente complicata la vita in chiave salvezza e non si può permettere passi falsi se vuole archiviare la pratica ed evitare una retrocessione clamorosa. I nostri tifosi? Dobbiamo restare tutti uniti, dopo la fine del campionato tireremo le somme.

Crotone, Vrenna Jr: "Zenga allenatore completo e grande motivatore. Contro la Lazio…"
Contemporaneità delle partite: " Per me le ultime due gare di campionato dovevano disputarsi alla stessa ora ". Siamo arrivati a giocarci la salvezza a tre giornate dalla fine sulla quale nessuno avrebbe mai scommesso.

"Sono abituati a perdere i giocatori (ride ndr)".

Share