Trimestrale Mps: si torna in utile. Balzo del titolo

Share

Mps torna all'utile e chiude il primo trimestre in positivo di 188 milioni, contro la perdita di 169 milioni dello stesso periodo del 2017.

Andamento negativo è stato riscontrato per la raccolta, calata del 6,4% a 193,2 milioni con le componenti diretta e indiretta e il risparmio gestito tutti in flessione, al pari dei crediti verso la clientela.

Ancora secondo la prima trimestrale di Mps, i crediti deteriorati lordi sono scesi (di 0,3 miliardi) su quota 42,6 miliardi di euro. Sempre al 31 marzo, l'esposizione netta è scesa da 14,8 a 13,3 miliardi di euro. Certamente ha inciso la notizia del riotorno all'utile. La garanzia statale Gacs sui titoli senior è prevista nelle prossime settimane e il deconsolidamento del portafoglio di sofferenze di 24,1 miliardi di euro è confermato entro il 30 giugno 2018. Inoltreè in corso la vendita di 1,5 miliardi di inadempienze probabili, di cui 500 milioni già ceduti o in avanzata fase di cessione con il recepimento di offerte vincolanti già prima del 30 aprile 2018. Dati questi che ovviamente non comprendono gli effetti della maxi cartolarizzazione.

Firenze, Mattarella all'Istituto Europeo apre "State of the Union"
E qualcuno, di fronte a un cammino che è divenuto gravoso, cede alla tentazione di cercare in formule ottocentesche la soluzione ai problemi degli anni 2000".

Al 31 marzo 2018 il gruppo ha realizzato ricavi complessivi pari a 877 mln di euro, con un calo del 6% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente per la flessione del margine di interesse e delle commissioni nette, solo parzialmente compensata dalla crescita del risultato netto della negoziazione e delle attività/passività finanziarie valutate al fair value in contropartita del conto economico.

Dunque Mps ha lanciato segnali positivi e il mercato pare proprio voler apprezzare gli sforzi di rilancio varati dall'amministratore delegato Marco Morelli. Il titolo non è riuscito ad aprire in avvio di seduta a Piazza Affari per poi avviare gli scambi alle 9,10 circa con un rialzo di poco superiore al 7%.

Share