Istat: in aumento la povertà assoluta

Share

Sono i dati comunicati da Giorgio Alleva, presidente dell'Istat, nell'audizione di Def. La situazione è peggiore al Sud.

Nel 2017 le persone in poverta' assoluta sono circa 5 milioni, distribuiti in 1,1 milioni di famiglie.

Il dato allarmante è che la povertà è molto aumentata dagli anni scorsi: nel 2016 interessava il 7,9% della popolazione e nel 2008 solo il 3,9%. Secondo Alleva, la ripresa dell'inflazione nel 2017 può "giustificare" la metà dell'incremento della povertà assoluta. Dal punto di vista territoriale, i dati provvisori mostrano aumenti nel Mezzogiorno e nel Nord, e una diminuzione al Centro. L'incidenza di queste famiglie e' decisamente piu' bassa al Nord (circa 2 ogni 100, rispetto a 7 su 100 nel Mezzogiorno).

Troppi cittadini in condizioni di preoccupante bisogno, fra i quali si annovera un numero enorme di cittadini che cercano un lavoro ma che non hanno alcun reddito da lavoro e proprio per questo sono necessarie misure urgenti, per contrastare la crescente povertà - così ha dichiarato il segretario nazionale del Partito Pensionati, Carlo Fatuzzo - Il lavoro è il vero problema del nostro Paese, insieme alle tante, troppe emergenze che affliggono l'Italia.

Calciomercato Napoli, agente Koulibaly: "Alla Juventus? Può giocare ovunque"
Purtroppo quando perdi devi stare zitto, se vincevamo avremmo potuto toglierci diversi sassolini nella scarpa. L'espulsione ci ha fatto vedere una montagna non scalabile, il contraccolpo c'è stato.

IVA - Alleva avverte poi che dalla mancata sterilizzazione dell'Iva il prossimo anno "avremmo problemi" che si rifletterebbero con un "minore tasso di crescita dello 0,1%".

L'incidenza della povertà assoluta e della diseguaglianza sociale in Italia sta aumentando e il presidente dell'Istat, Giorgio Alleva, nel corso dell'audizione sul Def nelle commissioni speciali di Camera e Senato lancia l'allarme: "Per il 2017, il quadro fornito dagli indicatori di benessere mostra diffusi miglioramenti, associati tuttavia all'aggravamento di alcune criticità soprattutto sul fronte della disuguaglianza e della povertà assoluta".

Le esportazioni, secondo la simulazione, registrerebbero un rallentamento di 1,1 punti, le importazioni di 0,3 punti.

Share