Parma, tenta di strangolare figlia di un anno: madre arrestata

Share

Appartengono a Yaima Digne Cappe, di origine cubana, compagna di Pierluigi Iacobucci, 32 enne, imprenditore di Mondragone (Caserta) e a Sofia, la figlioletta di soli 4 anni della donna. Insieme mercoledì scorso erano usciti in mare su una moto d'acqua in Costa Domizia. Tra i loro vestiti non sono stati ritrovati documenti e non sono stati riscontrati segni di violenza. La guardia costiera ha inoltre inviato altre motovedette per controllare se ci fossero altri corpi in mare o resti di un possibile naufragio.

Orrore al lago. A circa un miglio da Torre Canneto allargo del mare tra Terracina e Fondi sono stati rinvenuti i due corpi, quasi abbracciati, di mamma e figlia.

Diretta Live Cagliari-Roma, Risultato in Tempo Reale (Serie A 2017-18)
Ora è il momento: dobbiamo lasciare da parte la timidezza, essere aggressivi e determinati e avere fiducia in noi stessi. Siamo ancora avanti rispetto alle dirette concorrenti, non e' la prima volta che ci troviamo con 2 punti di vantaggio.

Distrutta la famiglia di Luigi Iacobucci, che gestiva insieme al fratello alcuni supermercati in provincia di Latina, in particolare a Scauri e Minturno, chi lo conosceva lo descrive come una persona particolarmente sensibile altruista e discreta, tanto da non avere un profilo sui social. L'avanzato stato di decomposizione ha fatto ipotizzare che si trovassero in acqua da diversi giorni. Ma l'intera zona è stata perlustrata per tutta la mattina dalle motovedette della Capitaneria senza nessun esito ed è stata subito esclusa la presenza di altri corpi in mare.

Un gesto assurdo ed inspiegabile, quello commesso da una giovane madre nigeriana ai danni della sua bambina di appena un anno, che ha rischiato di finire strangolata. Secondo quanto accertato dai carabinieri, l'uomo era uscito inizialmente da solo, ma poco dopo era andato a prendere in un lido di Mondragone anche la 31enne e la bimba.

Share