Torino, aule vietate per quattro bimbi non in regola con le vaccinazioni

Share

Primi effetti, a Torino, della legge Lorenzin sull'obbligatorietà dei vaccini. "Esattamente come previsto dal Codacons la legge Lorenzin sta generando la confusione più totale realizzando discriminazioni inaccettabili a danno delle famiglie e dei bambini - afferma il presidente Carlo Rienzi - Se infatti in Piemonte a 2 bambini è stato vietato di entrare a scuola perché non in regola con i vaccini, nella vicinissima Valle D'Aosta si è deciso in senso totalmente opposto, con ben otto bambini non in regola con le norme nazionali ugualmente ammessi a scuola".

Per le due famiglie - secondo quanto riporta Repubblica Torino - il procedimento è iniziato lo scorso 4 aprile, quando la dirigente ha inviato le lettere di sollecito a mezzo raccomandata.

Stessa sorte per i figli di due famiglie residenti a Collegno, sempre nel torinese. "Il rispetto della legge non è una questione politica - sostiene Cavallone -. Nei mesi scorsi abbiamo anche incontrato le famiglie", ha concluso Cavallone.

GF 15, Vladimir Luxuria: "Ecco cosa so su Simone Coccia"
Vladimir ha raccontato: " Simone ha un passato e anche la Pezzopane ha un passato ". Nel passato , ci sono tante cose, voglio frenare la lingua.

Insomma, decisioni rigide, ma conformi alla legge e, in quanto tale, inevitabili.

"Non immaginate, comunque, scene di vigili e carabinieri davanti alla scuola - prosegue la dirigente - si è svolto tutto in tranquillità: venerdì avevo comunicato alle famiglie che da oggi i bimbi non sarebbero più stati considerati iscritti e loro non si sono più presentati". Quando ha capito che il bambino si era perso, ha chiamato il 113: è arrivata una volante e poco dopo anche un'insegnante, molto preoccupata e uscita per cercare l'alunno, infine il genitore.

E aggiunge: "Fino a quando non ci sarà un documento che attesti la messa in regola con le vaccinazioni non posso fare altrimenti, c'è una legge che ce lo impone".

Share