Esclusiva Cassano: "Non smetto, tifo Roma e do un consiglio ad Ancelotti..."

Share

Io sono e sarò un calciatore in eterno perché solo i pipponi possono dire di essere ex calciatori, vuol dire che lo erano anche quando giocavano.

Siracusa, 2 nuovi esperti nella commissione appalto nuova caserma Vigili del fuoco
I rilievi svolti dall'Arpa hanno determinato l'assenza di problematiche di inquinamento ambientale. Stefano allo stato inutilizzati ma esistono tante altre soluzioni possibili.

Antonio Cassano, 35 anni, ha lasciato il calcio la scorsa estate. L'ex stella tra le altre di Roma, Real Madrid, Milan e Inter, ha annunciato a Sky Sport 24 di voler tornare a giocare. "Non so quando, ma ho voglia di farlo". Non lo faccio per denaro, bensì per orgoglio e rivincita soprattutto adesso. Voglio divertirmi e posso fare la differenza. Ne sono convinto, perché non ho mai avuto infortuni e sto benissimo. "Gioco 3-4 volte a settimana a tennis e mi alleno ogni pomeriggio, mi voglio tenere in forma perché se dovessi iniziare una preparazione pre-campionato voglio partire alla grande e andare a mille". La squadra ideale per rientrare? Cassano chiede un progetto da sposare in tutto e per tutto e degli obiettivi per cui lottare: "Una squadra che abbia già un'idea gioco, che abbia delle proposte e dei giocatori interessanti". Se devo tornare in una squadra che lotta per non retrocedere me ne sto a casa con la mia famiglia. Cassanate? Bisogna metterle in conto, ma molto meno perché ora ho due figli che stanno crescendo. Totti mi ha detto che Eusebio è un grande allenatore e cosa gli piacerebbe fare in futuro anche se noi ci sentiamo sempre calciatori. "Mi farebbe piacere vedere un allenatore di livello internazionale sulla panchina azzurra, anche se lui ha allenato sempre giocatori top e oggi di quel livello in Italia c'è solo Buffon".

Share