Spalletti difende l'Inter: "Pochi tiri e zero goal? Era l'Atalanta..."

Share

Vi proporremo quanto accaduto in Atalanta-Inter, anticipo serale della 32a giornata di Serie A 2017-18, nella sintesi con il video degli highlights dell'incontro terminato a Bergamo 0-0, dove le squadre di Gasperini e Spalletti non sono riuscite a segnare.

"Secondo me non c'è un problema attacco, poi ognuno può dargli il taglio che gli pare". Ci abbiamo messo un po' a capirlo ma poi ci siamo sistemati, loro ci hanno pressati perché sono forti e fanno della fisicità la loro arma migliore, aggredendoti. "L'Inter non è riuscita a far prevalere la sua qualità, ma la squadra è viva e alla fine era cresciuta". Prima frazione sostanzialmente appannaggio dei padroni di casa, che, dopo aver sprecato in avvio una ghiottissima chance col Papu Gomez, hanno impensierito la banda Spalletti soprattutto con il gambiano Barrow, mossosi bene all'esordio dal primo minuto in prima squadra. Se nel riconquistare la palla non si riesce a fare il passaggio per sviluppare l'apertura dei giocatori nell'attaccare gli spazi, diventa difficile: le distanze sono tutte raggruppate, è molto stretto il settore del campo in cui palleggiare. Siamo stati in gara fino all'ultimo, forse nel primo tempo dovevamo fare qualcosa di meglio. I tiri in porta sono due? "Noi abbiamo provato a fare uomo contro uomo accettando la condizione, poi è chiaro che viene a centrocampo a prendere palla, senza questi scambi non si arriva in area di rigore". Due tiri nello specchio della porta e 3 palle gol soli davanti al portiere tirate fuori.

"Nel secondo tempo abbiamo trovato Cancelo che si è creato due volte l'opportunità dopo aver saltato l'uomo sbagliando però il cross, poi con Rafinha ci siamo dati due volte la palla lunga".

Governo, Salvini: "Di Maio rispetti il risultato delle elezioni"
A Di Maio , secondo il quale il voto non ha valenza nazionale, risponde: "Mette le mani avanti". Un governo con chi ha approvato la Fornero o vuole gli immigrati che cosa potrebbe fare?".

L'Inter è reduce da tre partite senza reti all'attivo: "Non vedo nessun problema particolare in questo senso: anche oggi, su un campo molto complicato, la nostra prestazione c'è stata".

Su Rafinha: "L'ho sostituito perché mi sembrava stanco". Cosa ho detto a De Roon a fine gara? Infine sul battibecco con De Roon: "Lui non può dirmi di sedermi, lo può dire ad un altro ma a me no".

Share