Vinitaly 2018, valorizzazione di un territorio

Share

Si svolgerà a Verona da domenica 15 a mercoledì 18 aprile Vinitaly 2018.

Il settore vitivinicolo umbro rappresenta al meglio la qualità delle produzioni agricole della nostra regione - sottolinea Albano Agabiti presidente Coldiretti Umbria - che debbono essere sempre più valorizzate sia nei mercati nazionali che internazionali, dove la concorrenza è in continua crescita. Dalla ricerca Vinitaly/IRI emerge che le vendite di vino bio sulla distribuzione organizzata sono cresciute nel 2017 del 45,3% in volume del 40,5% quella degli spumanti per un totale di 4 milioni di litri e 25 milioni di euro. Vinitaly si presenta come un unicum espositivo a livello internazionale grazie alla compresenza di Sol&Agrifood, salone internazionale dell'agroalimentare di qualità, rassegna interattiva che attraverso cooking show, momenti educational e degustazioni valorizza in chiave business le peculiarità dell'agroalimentare e l'olio extravergine d'oliva in particolare, e di Enolitech, appuntamento internazionale con la tecnologia innovativa applicata alla filiera del vino e dell'olio.

Sono queste le tematiche che saranno al centro della tavola rotonda "Enoturismo e Territorio: scenari e sviluppi futuri della wine destination" che si terrà sabato 14 aprile a Bardolino (Verona) a Villa Carrara Bottagisio alle 10.30.

Calabria: rimpasto giunta, i 5stelle attaccano Oliverio, "cose di casa sua"
Buon lavoro al neo assessore regionale, quindi: "saremo sempre al suo fianco per portare il nostro contributo istituzionale".

L'Abruzzo sarà presente con un'area espositiva di 1.200 metri quadrati (padiglione 12), promossa con la collaborazione dei consorzi di tutela, e ospiterà complessivamente 101 cantine regionali, circa 350 etichette saranno a disposizione di buyer e visitatori. "Per il quarto anno Veronafiere ha il piacere di ospitare a Vinitaly e sostenere la campagna di sensibilizzazione della Polizia di Stato, in collaborazione con l'Unione Italiana Vini e le 44 cantine che hanno aderito all'iniziativa", commenta Maurizio Danese, presidente di Veronafiere "È fondamentale, infatti, promuovere insieme un approccio al mondo del vino basato su cultura e conoscenza affinché i giovani di oggi diventino la generazione di wine lover responsabili del futuro".

I produttori di Vino Nobile di Montepulciano sono riuniti come sempre presso lo stand del Consorzio (Padiglione 9, stand D12 - D13). Il sottotitolo dell'evento è "L'evoluzione del Sangiovese a Montepulciano". Lo attestano i numeri, le vendite degli ultimi anni e i successi siglati in guide e concorsi internazionali. Anche quest'anno lo stand delle aziende vitivinicole bertinoresi sarà personalizzato con richiami e simboli del Balcone di Romagna.

Share