Genova, coniugi trovano topo morto all'interno della busta di insalata

Share

Una coppia genovese è stata sottoposta a profilassi di antibiotici a seguito della terribile scoperta fatta in una busta di insalata di quarta gamma acquistata in un supermercato della zona.

I coniugi genovesi non si sono accorti subito e hanno mangiato parte del contenuto, quindi sono stati sottoposti precauzionalmente a cura antibiotica.

"Abbiamo ricevuto le due persone, ci hanno portato la busta dell'insalata con il topo trovato all'interno e abbiamo avviato le procedure del caso", spiega Paolo Cavagnaro, direttore sanitario della Asl3. La notifica degli uffici genovesi ha fatto così scattare i controlli in Lombardia.

Pronostico Atalanta-Inter: le ultimissime sulle formazioni (Serie A 2017-18)
ATALANTA (3-5-2): Berisha , Toloi , Caldara , Masiello , Hateboer, De Roon, Freuler , Gosen, Cristante, Barrow , Gomez . Siamo stati in partita fino alla fine, qualcosa di meglio nel primo tempo dovevamo offrirlo.

Non è la prima volta che le insalate in busta nascondono brutte sorprese. Dopo aver effettuato questo macabro ritrovamento i due si sono rivolti immediatamente all'ASL che ha provveduto ad analizzare il contenuto del sacchetto, mentre il topo Ovviamente come già detto è stato inviato al Arpal per tutti i controlli del caso. Così anche in Lombardia sono scattati i controlli su quel marchio di insalate confezionate.

La busta acquistata aveva la scadenza del 13 aprile e nonostante il supermercato del Ponente genovese non avesse più alcuna busta dell'insalata in questione ha comunque provveduto a ritirare dagli scaffali tutte le insalate ancora in vendita Ovviamente per precauzione. Lo riporta il Secolo XIX, in un articolo che mostra anche la foto della referenza incriminata, che è stata inviata ai laboratori Arpal per le analisi del caso. Si è trattato comunque di un provvedimento di precauzione, si precisa nell'articolo.

Secondo quanto rivelato dalle maggiori testate giornalistiche italiane, i coniugi avevano da poco tempo acquistato l'insalata, consumandone una parte nei giorni precedenti. Dal momento che il prodotto era ormai scaduto, spiegano dall'Asl, non c'è stato bisogno di diramare un'allerta.

Share