Atalanta-Inter, Spalletti polemico: "Che Icardi non segni è un problema vostro"

Share

Nella ripresa Gian Piero Gasperini manda in campo Cornelius al posto di Barrow. Santon cerca gloria provandoci con il destro, senza esito. Il centrocampista al limite dell'area ne supera un paio e si infiltra dentro, conclude, ma Handanovic disinnesca in due tempi. Proprio il brasiliano lascia il posto ad Eder, la carta che decide di giocarsi Spalletti. Sul ribaltamento, però, ecco la prima parata di Berisha, che alza in angolo il sinistro di Perisic sul suggerimento di Rafinha. Brivido finale con il tentativo da fuori dell'ex sampdoriano.

Nel primo tempo non ci siamo riusciti granché perché siamo stati sporchi nella palla recuperata. Poi il cross di Perisic innesca il tacco d'Icardi per Rafinha che però spara in curva. "Aver creato tre-quattro occasioni importanti contro l'Inter non è una cosa semplice - continua -". "L'esordio dall'inizio di Barrow?". "Abbiamo disputato un'ottima prima frazione di gioco - ha dichiarato ai microfoni di Mediaset Premium nel post gara -". Perisic è stato il più pericoloso dei suoi, riuscendo ad eludere il pressing dell'Atalanta grazie ai suoi inserimenti centrali e costringendo uno dei centrali difensivi a seguirlo, spaccando così la linea. I centrocampisti atalantini provano a mantenere alto il baricentro, riuscendo a palleggiare fino ai 25 metri dell'Inter, con Borja Valero e Gagliardini che non riescono a fare da filtro.

Sono i bergamaschi a far girare meglio il pallone.

BORJA VALERO 5,5: Si vede veramente poco. Terza partita a secco di gol per l'Inter.

All. Luciano SPALLETTI 5,5 - Inizialmente si mette quasi speculare a tre ed è messo sotto dal ritmo e dalla fame della Dea. Palla addosso alla punta, appoggio e da lì si costruisce: "come del resto ha fatto l'Atalanta". Mauro non ha fatto gol ma è un problema vostro.

SEGA ha annunciato il SEGA Mega Drive Mini, in arrivo nel 2018
La versione ridotta della famosa console uscita nel 1990 arriverà sul mercato videoludico nel corso di questo 2018. Esatto, anche il leggendario SEGA Mega Drive tornerà a nuova vita.

"Fisicamente e negli scontri uno contro uno l'Atalanta è la squadra più forte del campionato". Abbiamo fatto due tiri nello specchio ma se siamo andati tre volte davanti al portiere e abbiamo tirato fuori allora le statistiche non rispecchiano la realtà. "Si guarda solo se Icardi e Perisic non segnano ma abbiamo creato e siamo stati in partita fino all'ultimo in un campo difficilissimo".

"Secondo me non c'è un problema attacco, poi ognuno può dargli il taglio che gli pare".

Cancelo 6: Parte abbastanza male, ma si riprende nella seconda metà di partita tentando anche dribbling e numeri vari, conditi da idee sfruttate male dai compagni. "In questo momento dobbiamo vincere, non dobbiamo giocare bene, perché mancano poche partite".

Atalanta: Berisha, Toloi, Caldara, A.Masiello, Hateboor, De Roon, Freuler, Gosens, (80′ Castagna), Cristante, (85'Mancini) A.Gomes, Barrow.(46′ Cornelius) All. (31 Rossi, 91 Gollini, 95 Bastoni, 23 Melegoni, 32 Haas, 97 Elia).

Share