Siria, la dura condanna di Putin: "Un atto di aggressione"

Share

Si osserva che i raid sono stati compiuti da due navi della Marina degli Stati Uniti nel Mar Rosso, dagli aerei tattici nel Mediterraneo, così come dai bombardieri strategici americani B-1B di el-Tanf. Lo ha fatto in diretta tv in un drammatico discorso alla nazione, in cui ha insistito sulla necessità di agire contro i crimini e la barbarie perpetrati dal regime di Bashar al Assad, definito "un mostro" che massacra il proprio popolo. I nostri avvisi sono stati inascoltati. A partire dalla Russia che con il presidente Putin che condanna con fermezza 'l'aggressione contro un paese che sta combattendo il terrorismo nel suo territorio' e viola il diritto internazionale. A una settimana dal presunto attacco chimico alla città siriana di Duma, ha ordinato la rappresaglia in Siria in stretto coordinamento con Londra e Parigi.

L'attacco occidentale, senza un regolare mandato da parte del Consiglio di sicurezza dell'Onu, è una violazione del diritto internazionale, ha aggiunto Putin, citato dalla tv filo-Cremlino Russia Today.

"Le azioni degli Usa e dei loro alleati in Siria non rimarranno senza conseguenze", ha puntualizzato l'ambasciatore russo a Washington Anatoly Antonov secondo quanto riporta la Tass.

Juve, rischio stangata. In arrivo squalifiche per Buffon e Chiellini
Oliver non ha un cuore, ha un bidone dell'immondizia al posto del cuore. Dopo la sfuriata, arrivano le conseguenze. Mettere le mani addosso è un attimo.

"Questo è un chiaro messaggio per Assad", ha spiegato il segretario americano alla Difesa, l'ex generale James Mattis, assicurando come al momento non si registrino perdite tra le forze Usa e come sia stato compiuto ogni sforzo per evitare vittime civili.

Scoppiano le prime polemiche negli Stati Uniti per la decisione di Donald Trump di sferrare un attacco alla Siria senza ottenere prima un'autorizzazione del Congresso.

Centinaia di siriani sono scesi in strada a Damasco dopo l'attacco militare congiunto di Usa, Gran Bretagna e Francia in Siria sventolando bandiere siriane, russe e iraniane in segno di vittoria e suonando i clacson delle auto in un atto di sfida. E ha aggiunto che l'operazione in Siria è stata "legittima, limitata e proporzionata". "I sistemi di difesa aerea siriani sono entrati in funzione: una parte considerevole dei missili da crociera e dei missili aria-terra lanciati sono stati abbattuti mentre si avvicinavano agli obiettivi", ha detto il ministero della Difesa. Lo sostiene il ministero della Difesa russo. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin commentando l'attacco occidentale in Siria.

Share