Napoli, De Magistris: "Pd a contropresidio debito? Vedo altre sensibilità"

Share

Lo ha annunciato il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a 24 ore dalla manifestazione contro il debito in programma domani in piazza Municipio. A seguire, il sindaco vorrebbe programmare incontri con il presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, con il presidente della Camera, Roberto Fico, e con i gruppi parlamentari. Siamo sotto usura di Stato. "Quella di domani è la prima manifestazione in Italia dal dopoguerra di una città che si ribella al debito ingiusto". Nonostante il Governo Gentiloni abbia raggiunto un accordo con l'amministrazione per la ripartizione del debito cosiddetto Cr8, ovvero quello che il Comune si porta dietro da 30 anni per la ricostruzione post-terremoti in Irpinia, che ha evitato il fallimento, questo ammonta ad un centinaio di milioni di euro, a cui vanno aggiunti circa 50 milioni del debito decennale del Commissariato Emergenza Rifiuti. "Io - ragiona l'ex Pm - sono convinto che arriverà dal popolo una spinta decisiva per la vittoria di questa battaglia che comunque io farò da solo".

"Nel Pd c'è chi vuole cambiare il modo di fare politica e vuole dialogare maggiormente prendendo atto che la politica del rancore non premia e chi, invece, come la Valente si mette a fare iniziative con Fratelli d'Italia e con Cantalamessa della Lega". "Non mi scaglio contro il Pd - ha affermato il sindaco - e la fotografia dei componenti della contro manifestazione non è condivisa dalla maggioranza del Pd".

Facebook, scopri se il tuo account è stato usato da Cambridge Analytica
La fuga di dati riservati degli utenti ha fatto crollare FB in borsa e provocato indignazione in tutto il mondo. E ci sono stati dei momenti molto interessanti.

De Magistris: "Mi auguro che la vittoria rocambolesca di domenica possa essere un segnale anche per il campionato, perché bisogna crederci fino alla fine".
.

Share