Macerata, la terra trema ancora e le case non reggono

Share

"E' ancora legato alla sequenza del 24 agosto 2016", ha spiegato il presidente dell'Ingv, Carlo Doglioni. Una scossa forte, di magnitudo 4.6, con epicentro a 2 km da Muccia, in provincia di Macerata e a 9 km di profondità, che è stata avvertita anche in Umbria, nel Lazio e in Abruzzo.

Lo riporta l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv). L'epicentro è stato registrato a circa 2 km da Muccia, piccolo borgo in provincia di Macerata. Ad ogni modo, al momento è difficile prevedere cosa potrebbe accadere nei prossimi giorni, tanto che gli esperti si sentono solo di dire che l'allarme è tutt'altro che cessato e che questa sequenza sismica richiederà molto tempo prima che si esaurisca del tutto.

All'incirca un'ora fa la terra ha tremato anche in Grecia, ed esattamente nella zona delle Isole del Dodecaneso.

Italia, la Nazionale femminile fa sognare: Mondiale ad un punto
Dopo lo svantaggio del primo tempo "le Azzurre hanno mostrato di avere, oltre alle doti tecniche, un valore aggiunto: il cuore". Battendo il Belgio 2-1 , l'Italia rimane prima in classifica allungando il distacco dalla diretta inseguitrice.

Il sindaco di Camerino, Gianluca Pasqui, ha bloccato tutti gli accessi alla zona rossa, "tranne quelli delle ditte specializzate che stanno lavorando". "Mi sembra che questo fenomeno sismico stia andando a crescere, non a diminuire". Dopo quest'evento, altre scosse minori sono state registrate per tutta la notte. Erano le 5 11 di questa mattina. Anche dopo il sisma di stamattina ci sono state molte repliche, tra cui due di magnitudo 3.5 alle 5 e 46 e alle 6 e 03. Tuttavia i lavori devo andare avanti speditamente. "Parlano di vitalizi come se i vitalizi fossero più importanti del terremoto.Se ogni tanto non c'è una nuova scossa veniamo dimenticati".

Nonostante la paura e le difficoltà di ripartire a causa delle scosse di terremoto che dall'ottobre del 2016 non danno in pratica tregua, la popolazione della zona non vuole abbandonare la propria terra e continua a vivere nelle casette messe a disposizione degli sfollati.

Trenitalia ha deciso di sospendere in via precauzionale la circolazione lungo la linea interna Civitanova Marche-Macerata, riattivata poi in mattinata, per controllare la tenuta della struttura.

Share