Commissione speciale, Giorgetti sarà presidente: accordo Lega - M5S, il Pd protesta

Share

Sempre per decisione della capigruppo, la commissione speciale non esaminerà nemmeno i decreti legislativi sulle carceri e sulla riforma dell'ordinamento penitenziario. Al Senato, alla guida della commissione gemella, c'è il grillino Vito Crimi.

Info - In arrivo anche alla Camera la commissione speciale che dovrà esaminare gli atti del governo in attesa che nasca il nuovo esecutivo. Ed è prassi - come avvenne nel 2013 - eleggere esponenti dell'opposizione; se possibile qualcuno della Commissione Bilancio della legislatura precedente, visto che il terreno economico è quello più delicato. Al M5S spettano 15 membri, alla Lega 8, al Pd 7, a Forza Italia 7, a Fratelli d'Italia 2, al Misto 1, così come a LeU 1.

Marotta: "Mercato? Ci evolveremo..."
Rivoluzione sul mercato? Sul concetto di rivoluzione mi sono già espresso, bisogna parlare di processo evolutivo. Sicuramente arriveranno nuovi giocatori, i profili sono quelli sia di giovani talenti che di esperienza.

L'accordo tra il centrodestra e il Movimento 5 stelle c'è già. Il Pd rinvendica dunque per sé la nomina, proponendo la candidatura di Francesco Boccia. Nella prima riunione dei gruppi dem (a cui Renzi non ha partecipato "per non condizionare il dibattito"), il Pd si è mostrato ancora una volta diviso. Pertanto se ne occuperanno, quando saranno istituite, le commissioni di competenza. Da una nota congiunta si apprende di una telefonata, tra i leader di Lega e M5S, che con "spirito di collaborazione" intendeno rendere operativo il Parlamento al più presto e votare domani alla presidenza della commissione speciale della Camera il deputato della Lega Nicola Molteni.

La Commissione speciale è un organismo temporaneo che opera in assenza delle commissioni permanenti che, per consuetudine, vengono costituitesolo dopo la formazione di un governo.

Share