Di Maio-Salvini prove di Governo al Vinitaly?

Share

Dinanzi a leader fermi immobili sulle rispettive posizioni, inchiodati ai soliti giochi tattici, dunque incapaci di garantire sbocchi concreti, Mattarella potrebbe decidere che l'attesa è stata sufficiente e passare alla fase successiva, quella degli incarichi. Serve un accordo scritto tra centrodestra e Cinque Stelle. L'approccio del Capo dello Stato per ora rimane quello seguito a partire dal giorno dopo le elezioni: ascoltare le valutazioni dei partiti e capire se emergono soluzioni per arrivare alla formazione di una maggioranza che, dati alla mano, non potrà non basarsi su intese tra partiti avversari alle urne, che portino alla formazione di "una coalizione".

A Terni si è perpetrato un sistema di potere che ha portato una parte della città all'abbandono, noi vogliamo rimuovere gli ostacoli e liberare i cittadini da tutto quello che impedisce alle energie e al dinamismo di emergere.

LA NOTA DI DI MAIO E SALVINI - Luigi Di Maio e Matteo Salvini, si apprende in nota congiunta di Lega e M5S, si sono sentiti oggi al telefono e con spirito di collaborazione per rendere operativo il Parlamento al più presto, hanno concordato di votare domani alla presidenza della commissione speciale della Camera il deputato della Lega Nicola Molteni.

"Io adesso torno a Roma a fare il possibile e l'impossibile per dare un governo serio a questo Paese". Infatti mentre il segretario della Lega propende per una alleanza di governo tra centrodestra e 5 Stelle basata su una condivisa azione di governo, il candidato premier del M5S rilancia il veto su Berlusconi.

"Berlusconi il male assoluto?"

L' età pensionabile sale a 71 anni, ora fermiamoci un poco
Queste novità sono legate all'adeguamento dell'età pensionabile per l'aggiornamento ISTAT sulle speranze di vita. Crescono pure i requisiti per accedere alla totalizzazione nazionale di cui al Dlgs 42/2006).

Non tarda la replica azzurra con le capogruppo Gelmini e Bernini: 'Irresponsabile l'odio nei suoi confronti'.

La conquista di Terni e dell'Umbria Alla presenza dello stato maggiore della Lega umbra e non solo, se Salvini ha fatto chiaro riferimento ad una lunga marcia del "nuovo" leghismo in Umbria, che ha una tappa importante proprio nella candidatura di Latini e che ha come traguardo le regionali del 2020, è toccato allo stesso avvocato 44enne tracciare le prime linee della strategia elettorale per Terni di cui sarà il primo protagonista e durante la quale avrà Salvini al suo fianco. La Lega di Salvini in Parlamento ha votato il 70 per cento delle volte in maniera diversa da Fi.

I renziani vanno in pressing: 'Serve il congresso, pronti a chiederlo subito'. Vogliamo che Terni torni ad essere una città normale e che il nostro sindaco riesca a rimediare ad anni di disastri creati da "compagni" poi finiti agli arresti, che si occupi di lavoro, di sicurezza, immigrazione e abbassi le tasse che ora sono schizzate ai massimi livelli. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, a Bari, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano un commento sulla possibilità che Mattarella possa conferirgli un incarico senza una maggioranza.

"Rispettando l'autonomia del presidente, lo escludo".

Share